Guardia di Finanza, concorso pubblico per l’ammissione di 830 allievi Marescialli

Sulla Gazzetta Ufficiale – IV Serie Speciale n. 20 del 12 marzo 2019 – è stato pubblicato il bando di pubblico concorso, per titoli ed esami, per l’ammissione di 830 (Ottocentotrenta) Allievi Marescialli al 91° corso presso la Scuola ispettori e sovrintendenti della Guardia di finanza, così ripartiti:

a) 768 allievi marescialli del contingente ordinario, di cui:

1) 18 sono riservati ai candidati in possesso dell’attestato (di bilinguismo) di cui all’art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 riferito al diploma di istituto di istruzione secondaria di secondo grado o superiore;

2) 8 sono riservati al coniuge e ai figli superstiti, ovvero ai parenti in linea collaterale di secondo grado se unici superstiti, del personale delle Forze armate e delle Forze di polizia deceduto in servizio e per causa di servizio;

b) 72 allievi marescialli del contingente di mare, così suddivisi:

1) 16 per la specializzazione «nocchiere abilitato al comando» (NAC);

2) 8 per la specializzazione «nocchiere» (NCH);

3) 36 per la specializzazione «tecnico di macchine» (TDM);

4) 2 per la specializzazione «tecnico dei sistemi di comunicazione e scoperta» (TSC).

Possono partecipare al concorso:

a) ● gli appartenenti al ruolo sovrintendenti e al ruolo appuntati e finanzieri, gli allievi finanzieri nonche’ gli ufficiali di complemento o in ferma prefissata, che

alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di cui all’art. 3, comma 1 del Bando, non abbiano superato il giorno del compimento del trentacinquesimo anno di eta’;

b) ● i cittadini italiani, anche se gia’ alle armi, che:

– abbiano, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di cui all’art. 3, comma 1, compiuto il diciassettesimo anno di eta’ e non superato il giorno di compimento del ventiseiesimo anno di eta’;

– abbiano, se minorenni alla data di presentazione della domanda, il consenso dei genitori o del genitore esercente in via esclusiva la potesta’ o del tutore per contrarre l’arruolamento volontario nella Guardia di finanza;

– non si trovino, alla data dell’effettivo incorporamento, in situazioni comunque incompatibili con l’acquisizione o la conservazione dello stato di ispettore della Guardia finanza;

– siano in possesso delle qualità morali e di condotta stabilite per l’ammissione ai concorsi della magistratura ordinaria.

A tal fine, il Corpo della guardia di finanza accerta, d’ufficio, l’irreprensibilità’ del comportamento del candidato in rapporto alle funzioni proprie del grado da rivestire.

Tutti i candidati devono possedere, inoltre, un diploma di istruzione secondaria di secondo grado che consenta l’iscrizione a corsi di laurea previsti dalle Università statali o legalmente riconosciute.

Possono partecipare anche coloro che, pur non essendo in possesso del previsto diploma alla data di scadenza per la presentazione delle domande, lo conseguano nell’anno scolastico 2018/2019.

I requisiti, se non diversamente indicato, devono essere posseduti alla data di scadenza del termine per la presentazione delle domande di cui all’art. 3 del Bando, comma 1, e alla data di effettivo incorporamento, pena l’esclusione dal concorso.  Non si applicano gli aumenti dei limiti di età previsti per l’ammissione ai pubblici concorsi.

La data di scadenza per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso risulta fissata all’11 aprile 2019.

Per ulteriori, complete informazioni riguardo modalità di presentazione della domanda di partecipazione, prove di esami, riserve, requisiti richiesti, etc. etc., gli interessati possono consultare il Bando di concorso al Link:

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/concorsi/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2019-03-12&atto.codiceRedazionale=19E02628

D.C.

Recommended For You

About the Author: PrM 1