Reggio Calabria, il 7 Aprile la mostra di Ida Caterini presso lo showroom Laruffa-Luppino

Si terrà giorno 7 Aprile alle ore 18:30, presso la suggestiva location dello showroom Laruffa-Luppino di Via del Torrione, n°75 a Reggio Calabria, la mostra della giovane orafa reggina, figlia d’arte, Ida Caterini, patrocinata dall’Associazione Culturale No Profit IlMetropolitano. Sarà esposta la collezione di gioielli creata dall’artista in questi anni, con l’aggiunta di pezzi esclusivi, che verranno presentati al pubblico proprio per l’occasione. Ida crea gioielli per donna e uomo, realizzati anche su commissione, soddisfacendo le richieste dei clienti più esigenti. Bracciali, collane, orecchini e anelli; la cui peculiarità, oltre al fatto di essere prodotti artigianalmente, com’è proprio della tradizione orafa della famiglia Caterini, possono essere incisi con iniziali o frasi che stanno più al cuore al cliente, e che danno un valore aggiunto ai gioielli in questione, un valore eterno: quello affettivo. Ad aggiungere un tocco d’arte in più, a tutto questo, le tele del noto tatoo-artist reggino Roberto Rogolino, che verranno esposte anch’esse all’interno dello showroom. Attraverso le quali, si potrà ammirare l’arte dagli anni ’80 fino ad oggi, dal graffitismo americano, basato sui “tag”, scritte realizzate per tracciare un’identità e che rappresentano una sorta di rivalsa del gruppo, alla street art, l’arte di strada. L’artista e designer infatti, prende ispirazione dagli artisti contemporanei americani Kaws e Seen. Sarà presente anche l’ultima sua creazione, tratta dalla collezione delle “maschere”, nata per descrivere un soggetto in sè, per rappresentare il proprio io, “al di là delle maschere che noi tutti portiamo”, afferma Roberto.  Maschere che sembrano tribali, ma non lo sono e che nascondono volti umani. Insomma, tutto questo e tanto altro per un viaggio nell’arte assolutamente da non perdere!

n.b. – Per i colleghi giornalisti si richiede l’accredito a ilmetropolitanorc@gmail.com

S.P.

 

Recommended For You

About the Author: Sonia Polimeni