Finale di Champions League: le quote

La Champions League si sta avviando verso il suo momento decisivo con le ultime partite dei quarti di finale. Le due gare disputate Martedì 16 Aprile hanno determinato i nomi delle due prime due squadre che hanno conquistato l’accesso alla semifinale della Coppa dalle grandi orecchie, così come viene soprannominata la Champions per via della sua caratteristica forma.

Con la Juventus che era data tra le principali candidate alla vittoria della competizione fuori dai giochi, le quote finale Champions League vedono come grande favorito il Barcellona: il sesto trionfo nella coppa dei blaugrana viene pagato a 2,75. Subito dopo i catalani c’è il Liverpool di Jurgen Klopp, finalista perdente della scorsa edizione, intenzionato a riprovarci quest’anno e quotato a 4,25. Si sono abbassate e di molto le quote dell’Ajax che adesso viene bancato a 7,00 dai quotisti dopo aver eliminato due big come Real e Juve. Infine troviamo il Tottenham, pagato a 10,00 volte la posta iniziale.

A sorpresa tra le prime quattro squadre d’Europa non ci saranno la Juventus e Cristiano Ronaldo (per il portoghese si tratta della prima semifinale mancata dal 2010!). La Vecchia Signora, dopo aver conquistato il passaggio del turno ribaltando a Torino (3-0) il risultato della sfida d’andata contro l’Atletico Madrid (2-0) agli ottavi, era stata accoppiata con l’Ajax per i quarti. In molti credevano che si fosse trattato di un sorteggio agevole per i bianconeri, vista la natura di formazione molto giovane dei lancieri. Il campo, tuttavia, ha dato altre risposte. Nella partita d’andata giocata ad Amsterdam, dopo essere finiti in svantaggio per un goal di testa di CR7, gli olandesi hanno pareggiato nella ripresa con Neres mantenendosi in corsa per la sfida di ritorno a Torino.

All’Allianz Stadium, una Juventus priva di diversi interpreti di spicco come Chiellini e Mandzukic, dopo essere andata nuovamente in vantaggio con un altro colpo di testa dell’implacabile Ronaldo è stata raggiunta sul pari da una rete di Van de Beek. Nella ripresa la squadra di Allegri è crollata sotto i colpi del calcio sbarazzino giocato dai ragazzini terribili allenati da Eric Ten Hag, che soltanto un mese fa avevano spedito fuori dalla Champions nientemeno che i campioni in carica del Real Madrid, con un impressionante 1-4 al Bernabeu. A firmare la vittoria di Torino è stato il 19enne capitano dei lancieri Matthijs de Ligt, corteggiato dalle grandi squadre d’Europa.

Nell’altro quarto di finale nessuna sorpresa: il Manchester United, che partiva dalla sconfitta 0-1 in casa, è stato letteralmente spazzato via dal Barcellona che al Camp Nou si è imposto 3-0 grazie a una doppietta di Leo Messi (sul secondo goal brutto errore di De Gea) e a uno splendido goal di Coutinho.

 

Recommended For You

About the Author: PrM 1