Osservatorio Nazionale dei diritti e della salute dei militari e forze dell’ordine: per non lasciare soli chi serve lo Stato

La nascita il 16 Gennaio scorso dell’Osservatorio Nazionale dei diritti e della salute dei militari e forze dell’ordine è stato un atto doveroso per rispondere alla drammaticità del fenomeno dei suicidi in caserma. Grazie al seminario che si è svolto alla Camera dei deputati, voluto dall’AISPIS, ho potuto riscontrare la necessità di istituire un ente capace di ascoltare, ma anche di prevenire con il sostegno psicologico casi di depressione, inadeguatezza, dovuta soprattutto alla mancanza di risorse umane tra militari e forze dell’ordine. Non lasciare soli chi serve lo Stato può essere un primo passo per combattere i malesseri in questi comparti, ma serve anche che il governo faccia la sua parte. Così Antonella Cortese criminologa e Vice Presidente Osservatorio Nazionale dei diritti e della salute dei militari e forze dell’ordine.

Recommended For You

About the Author: PrM 1