Vai a…

Direttore Responsabile - Fabrizio Pace



Banner 468x60

Ilmetropolitano.itsu Google+Ilmetropolitano.it on YouTubeRSS Feed

L’angolo della Poesia

Senza Età

Non havi età l’anima chi ttrema comu ‘nu durci fattu sulu ‘i crema: è ‘na carizza ‘nu suspiru ‘i ventu ch’a vila apri versu ‘u mari apertu raggiu ‘i suli è ‘nu baciu chi bbampa e n’atra vota ‘i sogni iddha campa ‘na parola bbona è comu ninnananna ch’a ddubba propriu comu fussi manna inchi

Come Luce del Faro sul Mare

Il sipario dell’ illusione è avventura terapeutica, la risposta è la domanda Vaga il pensiero nel silenzio della notte. Scialuppa nel mare quel bagliore leggero, ombra e luce in un giro completo. Circolare precisione a righe, torre che controlli tempeste e maree un corpo inanimato, pilastro anche in burrasca. Dalla riva, un mondo misterioso e

” TRATTI DEL TEMPO”

E’ labile il tratto sul foglio; dicevi: – Poesia, perchè tanta tristezza? << Tramonterà il pensiero epico, quando anche Ermione avrà il capo tinto d’avorio, sarà scordato anche l’ultimo verso vezzoso. Resterai l’immagine di un viso smorto, degli occhi inespressivi>> Andrea Giordano

Numeri

Propaganda all’eterna ingenuità   la rivoluzione spietata contro il calcolo e la matematica.   L’ incessante ricerca di regole è acqua dentro il mare…   Numeri che occupano i quadretti dell’immaginazione,   che deturpano le rotondità,   nessuna esitazione o una rondine in lontananza:   nessun calcolopotràmai progettare il suo passaggio al calar del sole.

La Freccia di Cupido

Tra le Stelle, dardo rosso d’Amore nella Parigi dell’Est, sulle tracce di antichi mondi dal fascino dimenticato, sognando sotto ponti in compagnia di artisti innamorati, un caldo saluto al mondo. Globo indaffarato e distratto, che tra romantici baci, riscopre il sentimento. In un giorno qualunque l’innocenza di un bisbiglio, in una notte ordinaria anime legate,

Libera

E sono libera… Lo sono sempre stata, perché vivo e muoio in ogni ricordo perché scrivo e cancello una possibilità in più per confondere il destino! Oltre il vento aspetto il mio momento, alle volte senza troppa determinazione, con la lentezza dei miei giorni con la volontà di non voler mai arrivare! Arrivare è fermare.

Che sia Natale

Che sia Natale Calde luci di pace serena Vento di buon umore Neve silenziosa che cade giù, un nobile silenzio che placa timori quotidiani, siamo tutti adulti con pensieri da bambini… per una notte! Che non si aspetti un giorno di festa per essere migliori, spegnendo la televisione e accendendo abbracci un augurio di novità.

Debussy a vela

Ricordo le onde danzare tra gli spartiti del vento… La vela si gonfiava tra le pause, dondolavano le note tra i rami e l’albero maestro, il sole scioglieva i silenzi, il pozzetto custodiva gli ultimi profondi toni! Musica classica azzurra tra cielo e sale, tutto si muoveva ma nulla si muoveva davvero! Clair de Lune

Pierrot

Volto diviso a metà, triste e misterioso, malinconia! Allegro con larghi pantaloni, intelligente pigrizia ti appartiene, innamorato della Luna, mimo dolce abbandoni l’astuzia quando ti incanti. Un sogno in silenzio il tuo ammirare… Ieri, domani, l’arte non presta parola! Lasciati cullare dal tuo amato sapore lunare, pallido come l’alba invernale! Annamaria Milici

Orfeo

Inconsapevole Orfeo Io nel mio erebo vidi l’arpeggio dei tuoi respiri E corsi verso la melodia Poi una delle tue corde si ruppe E io mi smarrii ancora Dai tuoi rizomi proveniva un pianto gutturale Divenni sposa del tramonto più violaceo Le mie vesti bianche urlavano nel loro fruscio E l’alchimia delle nostre carezze sussurrate

Vicinanze interrotte

I miei algidi ansimi prendono a ricordare sulle strane salite che la memoria ci disegna nel pianto Parti precoci di bugie avvolte nelle coperte schiumose di salive depredate Silenzi di vicinanze interrotte Abbi la forza di non incespicare più sugli sguardi che ti fanno gocciolare via il tuo più umano sapore Erika Scalo

Annamaria Milici intervista Rosalba Barcella

Rosalba Barcella nasce a Reggio Calabria il 13.06.1946. Ultima di otto figli inizia presto ad affinare la tecnica del silenzio e dell’ascolto mentre i suoi occhi cercano di focalizzare le sfumature più nascoste del mondo che la circonda. Frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci”dove l’universo femminile della fanciullezza si fonde con quello maschile della gioventù e

Eden

L’urlo dell’Eden sulla spiaggia diroccata Le mie labbra sono specchi sulla sabbia che è ruggine di sole Lo sciabordio dell’affanno nelle paludi vorrei fosse seppellito tra l’erba azzurra. Erika Scalo

All’ombra d’una vita

All’ombra di una vita c’è sempre qualcuno che piange o sorride con l’altro e in un solo destino si compiono due vite: alla luce d’un sole caldo d’estate, nel buio freddo della solitudine eterna! All’ombra d’una vita c’è sempre qualcuno che piange o sorride con l’altro: la tua vita, il mio cuore! Rosalba Barcella

Memento

Le violette conoscono tutti i miei nomi tranne uno Le estati sono sempre più brevi Fili di sete cuciono il corpo Le vene del mare erano bianche e calde ora ci scorre veleno Erika Scalo

CHIAMATA ALLE ARMI

I soldatini di piombo Combattono battaglie già perse… E  fanno a gara per essere in prima linea ! Lanciano bombe di plastica contro i nostri castelli di porcellana Che di certo poi… La fanteria raccoglierà i cocci . I soldatini di piombo Si feriscono e s’incazzano E si lasciano curare da infermiere di cristallo… Senza

Post più vecchi››