Centrale a carbone: no dell’Idv, se ne discuterà in consiglio regionale

Tema: centrale a carbone di Saline. Niente di nuovo, anzi. Dopo il no del comune di Reggio Calabria nella persona del sindaco Giuseppe Raffa, e del Pdci con Michelangelo Tripodi, adesso è la volta di Giuseppe Giordano, consigliere dell’Idv in seno al consiglio regionale. Il 15 novembre infatti, verrà discussa dal Consiglio regionale la mozione presentata da Giordano e sottoscritta da tutto il Gruppo consiliare per chiedere alla Giunta regionale di ribadire la contrarietà alla costruzione di una centrale a carbone su tutto il territorio regionale. “Dopo tanta insistenza – afferma Giordano – finalmente è stata inserita all’ordine del giorno e chiederemo al Governo regionale di esprimersi secondo quanto previsto dal piano energetico ribadendo  il proprio diniego alla costruzione di una centrale a carbone sul sito della ex Liquilchimica di Saline Ioniche come espresso dalla delibera della Giunta regionale n. 686 del 6 ottobre 2008, già trasmessa a suo tempo in sede di conferenza dei servizi, con la quale l’ente Regione ha deliberato di non accordare l’intesa per la realizzazione dell’impianto. Italia dei Valori – conclude Giordano – con questa mozione impegna il Presidente della Regione e la Giunta a comunicare ulteriormente ai ministeri competenti e agli enti territoriali interessati la loro posizione contraria e a porre in essere ogni azione necessaria ad opporsi ad un eventuale provvedimento che autorizzi la costruzione della centrale. Finalmente potremo capire chi è veramente favorevole o contrario, al di là degli annunci spot di maniera”. Dal canto suo però, la SEI S.p.A., società progettista della centrale, in un comunicato stampa ha manifestato la soddisfazione per il parere positivo espresso dal Ministero dell’Ambiente: “La Società di Progetto SEI S.p.A. ha accolto con soddisfazione il pronunciamento positivo della Commissione VIA del Ministero dell’Ambiente. Come noto, giovedì 21 ottobre i Commissari si sono favorevolmente espressi sul progetto della www.progettosei.it , che ha sempre tenuto in grande considerazione il territorio garantendo la massima accessibilità al progetto in vari modi: mettendo a disposizione, come previsto dalla legge, le carte progettuali presso le sedi dei Comuni coinvolti  durante la fase di avvio della procedura, nel giugno 2008, ed in occasione della presentazione delle integrazioni, nel luglio 2009. E’ stato inoltre creato un sito internet  in cui, non solo si possono approfondire tutti gli aspetti legati alla Centrale, ma si può anche scrivere direttamente al team di progetto; questa opportunità è stata già colta da molti cittadini. Sono stati infine organizzati degli incontri tecnici con le Amministrazioni Locali – richiesti con atti ufficiali – per illustrare aspetti specifici della Centrale. Ci auguriamo quindi che nelle prossime settimane si possa aprire un confronto sereno e costruttivo sulla reale portata del progetto SEI, sul conseguente rilancio del territorio nonché sulle molteplici ricadute positive che lo stesso produrrà in termini economici ed occupazionali”. Continueremo a seguire costantemente questa delicatissima vicenda, aggiornandovi sugli eventuali sviluppi nei prossimi giorni.

Danilo Santoro

Recommended For You

About the Author: Danilo Santoro