Protezione Civile: Gabrielli in Calabria traccia le linee da seguire - Ilmetropolitano.it

Protezione Civile: Gabrielli in Calabria traccia le linee da seguire

Il Dipartimento nazionale della Protezione civile e la Regione hanno sottoscritto a Catanzaro un protocollo d’intesa per iniziative comuni sulla prevenzione e la gestione delle emergenze. Tante le questioni inerenti questo delicatissimo argomento, trattate in questo incontro. L’accordo è stato firmato dal capo del Dipartimento della Presidenza del Consiglio, Franco Gabrielli e dal presidente della Giunta, Giuseppe Scopelliti. Gabrielli, insediatosi a novembre, ha avviato un programma di incontri territoriali con le strutture regionali e in questo quadro la Calabria, realtà ad alto rischio sismico e idrogeologico, è la seconda regione in cui si è recato per un confronto con le amministrazioni e le strutture di protezione civile locali. “Con l’accordo di oggi – ha detto Gabrielli – una parte importante delle nostre dotazioni, che noi chiamiamo di assistenza alla popolazione in caso di emergenza, verranno allocati nelle strutture di protezione civile della Calabria a Germaneto di Catanzaro e a Gioia Tauro. Siccome questo è un territorio a rischio e ha una morfologia particolare con un sistema viario che è quello che è, questo è un primo significativo avamposto, con strutture molto moderne. Quella di oggi è una prima, significativa iniziativa a cui dovranno fare seguito altri due poli in un tempo ragionevolmente breve”. “C’é l’impegno e l’attenzione da parte del Governo nazionale – ha detto Scopelliti – e la presenza del prefetto Gabrielli è un supporto importante anche in termini di riconoscimento per la validità del modello di protezione civile che abbiamo realizzato in questi mesi come visione strategica rispetto ai problemi”. Alla sigla dell’intesa hanno partecipato il sottosegretario regionale alla Protezione civile, Franco Torchia, ed il prefetto di Catanzaro Antonio Reppucci. Gabrielli, nell’occasione, ha incontrato i rappresentanti del mondo del volontariato. Nella stessa sede, un altro importante passo è stato reso pubblico dal governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti: “Sette milioni, immediatamente disponibili, per intervenire sui danni provocati dagli eventi alluvionali dei mesi scorsi. E’ la somma deliberata nell’ordinanza firmata dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a fronte dei 20 milioni complessivamente destinati alle regioni colpite dalle ultime calamità naturali. L’ordinanza sottoscritta ieri dal presidente Berlusconi che assegna alla Regione i primi sette milioni – ha detto Scopelliti – dimostra che l’attenzione del governo c’é ed è sostanziale nei confronti di questo nostro territorio. Ovviamente supportata dalla presenza del prefetto Gabrielli che ha avuto modo di elogiare anche la capacità nostra, in questi mesi, di rapportarci con il Dipartimento nazionale della Protezione civile. Si tratta di un lavoro difficile perché bisogna governare situazioni di grande emergenza”. “Le risorse messe in campo nell’ambito della prevenzione e della protezione dal rischio idrogeologico – ha aggiunto il presidente della Regione – sono andate a interventi mirati con individuazione di aree di intervento precise e orientate all’idea di tutelare e salvaguardare il territorio. Non abbiamo la possibilità di prevedere situazioni come quella di Maierato ma abbiamo il compito di monitorare costantemente il territorio in una chiara rivisitazione delle nostre aree in un disegno strategico. Infine si è parlato molto anche sulla questione delle nuove strutture ospedaliere che dovrebbero e potrebbero sorgere in Calabria: “Sulla questione dei nuovi ospedali stamattina ho ricevuto una serie di risposte molto puntuali e molto precise dal presidente Scopelliti anche su un cronoprogramma stringente che, da oggi, andrò a verificare – ha dichiarato Gabrielli – Le strutture individuate sono quelle di Vibo Valentia, Catanzaro, Piana di Gioia Tauro e Sibaritide. “Il presidente della Regione – ha aggiunto Gabrielli – non ha fatto discorsi o filosofie ma ha fornito numeri e tempi che sono due argomenti facilmente verificabili. Ovviamente da parte nostra, c’é l’impegno a sostenere questo sforzo tenendo conto anche di quanto attiene all’ospedale di Catanzaro che presenta le maggiori criticità e rispetto al quale c’é, probabilmente, la necessità anche di un intervento correttivo dal punto di vista normativo”. “Per quanto riguarda i nuovi ospedali – ha detto ancora Gabrielli – rispetto a quel lasso di tempo, che sicuramente non é poca cosa, dal 2007 ad oggi, non so che dirvi salvo che farvi la giaculatoria di cose ampiamente note come contrasti, inerzie e mancata individuazione di aree e conflittualità tra istituzioni”. Al prefetto Gabrielli, Scopelliti ha ricordato la pubblicazione, nelle scorse settimane, dell’avviso di preinformazione per la costruzione di almeno tre ospedali: Vibo, Sibaritide e Piana.

Danilo Santoro

banner

Recommended For You

About the Author: Danilo Santoro