Alla riscoperta dell’essenza dell’area Grecanica - Ilmetropolitano.it

Alla riscoperta dell’essenza dell’area Grecanica

Si è tenuta nella splendida cornice dell’area Grecanica la conferenza della Cia (confederazione italiana agricoltori) in occasione della giornata italiana dedicata agli agriturismi. Precisamente la conferenza è stata ospitata dalla bellissima struttura agrituristica “Il Bergamotto” e, ovviamente, il tema centrale del dibattito è stato lo sviluppo rurale e il bergamotto. A presenziare alla conferenza il presidente della Provincia di Reggio Calabria Pino Morabito, il titolare dell’azienda “il Bergamotto” Ugo Sergi, il presidente della Camera di Commercio reggina Lucio Dattola, il presidente della Cia Calabria Nino Inuso e tante altre personalità legate al mondo agricolo reggino e non. Durante il dibattito sono stati spulciati parecchi temi, legati principalmente al bergamotto e ai paesaggi dell’Area Grecanica. Infatti qui il tempo sembra che si sia cristallizzato a mezzo secolo fa. Odori, sapori, paesaggi che fanno tornare in mente temi antichi, quasi tribali oseremmo dire, di una Calabria che è stata per troppo tempo bistrattata e che la globalizzazione tenta di disinnescare. In tutta la zona il turismo di “nicchia” sta iniziando a propagarsi come un virus benigno. Nei numeri totali dei turisti che arrivano annualmente, il 50% è composto da Italiani e l’altro 50% da stranieri. Sicuramente affascinati dalla sinergia mare-montagna che solo qui si può godere così velocemente: si passa da un paesaggio all’altro in pochi minuti, senza quasi accorgersene. In tutto questo il bergamotto può e deve diventare il valore aggiunto di tali peculiarità straordinarie. Solamente il 15% del potenziale di questa terra magnifica si sta sfruttando e, in futuro, aumentando un po’ gli sforzi e allargando le vedute, si potrebbe creare uno sviluppo sostenibile che viene dal basso e che potrebbe rilanciare e emancipare tutti gli abitanti e tutti coloro che si metteranno e si sono messi in gioco facendo impresa e scommettendo sul prodotto in loco. Un altro tema che è emerso fortemente è stato quello delle coltivazioni biologiche di bergamotto. La produzione biologica deve diventare il grimaldello per scardinare il mercato governato dai grossisti che per troppo tempo ha fatto la voce grossa. Tutto questo ha contributo al cosiddetto “annacquamento” dell’essenza, tagliando l’essenza pura, aggiungendo additivi chimici al prodotto. Di fatto, negli anni bui della crisi del settore agrumicolo si esportava più essenza di quanta se ne producesse, con assurdi sul prezzo: si comprava un chilo di essenza a 78 Euro che poi veniva venduta all’estero a 56 Euro! L’allarme lanciato domenica è legato all’infiltrazione di persone nel settore biologico, che iniziano ad adulterare il prodotto cercando di distruggere tutto ciò che di buono fino ad oggi si è fatto. In partenza nel 1995, le aziende associate erano solamente 3, oggi si è arrivati ad un numero molto più elevato, arrivando a 18 soci che cooperano con obiettivi e fini comuni. Capitolo prezzi. Oggi un chilogrammo di essenza viene pagata circa 80 Euro, mentre il frutto ai produttori viene pagato 38/40 Euro al quintale, a seconda del tipo di produzione. Per produrre un chilo di bergamotto servono 30 centesimi a fronte di un ritorno di circa 20 centesimi per quintale. Lucio Dattola, presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, nel suo intervento ha detto: « Si è superato un vicolo stretto e buio di anni di crisi del comparto agrumicolo legato al bergamotto. Adesso si sta voltando pagina e le coltivazioni di nicchia sono la strada maestra da seguire per uno sviluppo dell’intera area reggina. Bisogna intraprendere percorsi virtuosi come quello delle 18 aziende associate nell’area Grecanica per riscattare la posizione di tutti i produttori e non produttori. Nel suo intervento Pino Morabito, presidente della provincia di Reggio Calabria, ha voluto ricordare le iniziative di sostegno intraprese dalla propria amministrazione: « La provincia ha sostenuto attraverso due iniziative la coltivazione e la promozione del bergamotto. La prima operazione è stata quella dell’istituzione del museo del bergamotto a Melito Porto Salvo, in collaborazione con il comune ionico reggino; la seconda è stata la delibera per un accesso semplificato al micro credito per tutte le piccole imprese e aziende legate a tale comparto». In seguito la giornata è proseguita con un pranzo a base di prodotti tipici per proseguire con il tema del giorno: « Alla riscoperta dell’essenza dell’area Grecanica».

Salvatore Borruto

Recommended For You

About the Author: Salvatore Borruto