Ancora episodi di bracconaggio nei confronti del Falco Pecchiaiolo (Adorno)

IL CORPO FORESTALE DELLO STATO ARRESTA UN BRACCONIERE, ARMATO DI FUCILE CON MATRICOLA ABRASA, IN FLAGRANZA DI REATO

Sono più di trent’anni che il triste fenomeno del bracconaggio durante la migrazione dei rapaci sullo Stretto è all’attenzione dell’opinione pubblica. Il Corpo Forestale dello Stato come Forza di Polizia, con la fattiva collaborazione di varie Associazioni ambientaliste, presidia lo Stretto durante il periodo maggio-giugno quando il fenomeno migratorio è più intenso.Nel pomeriggio del 26 u.s., durante l’attività di presidio del territorio da parte delle numerose pattuglie schierate dal Corpo Forestale, una segnalazione di spari, effettuata da alcuni volontari della LIPU (Lega italiana protezione uccelli) in osservazione nell’area del Pilone di Santa Trada, e l’immediato intervento del personale CFS, ha portato all’arresto di M.P. di 63 anni, incensurato e residente a Reggio Calabria, sorpreso in flagranza di reato con un adorno appena ucciso ed il fucile, con matricola abrasa, carico ed ancora in mano. Il personale del Corpo Forestale, schierato con alcune decine di unità, mezzi ed attrezzature speciali, a costituire un nucleo antibracconaggio coordinato dal Comando Regionale del Corpo, operando da oltre un mese nelle aree interessate dal passaggio dei rapaci aveva già ritrovato, in punti diversi, alcuni fucili da caccia con matricola abrasa che i bracconieri sono soliti nascondere per potersi muovere da e per le zone di “caccia” senza correre rischi. L’operazione di ieri ha finalizzato il lavoro di indagine fin qui svolto ed ha fatto emergere ancora una volta l’importanza delle sinergie che si sviluppano con le associazioni ambientaliste presenti sul territorio. A seguito dell’arresto e per le violazioni commesse, M.P. è stato sottoposto anche alla perquisizione dell’abitazione e di un ricovero agricolo. Nel corso della perquisizione sono state sequestrati numerosi fucili da caccia regolarmente denunciati ma custoditi in modo irregolare ed è stato rinvenuto un ingente quantitativo di munizioni, piombo e polvere da sparo detenuto illegalmente e custodito in violazione delle norme previste in materia di armi e munizionamento. Informato il Magistrato di Turno, Dr. Tenaglia, ha disposto l’arresto del bracconiere e fissato l’udienza di convalida per direttissima nella mattinata odierna. L’esito del procedimento ha visto la convalida dell’arresto e la concessione dei benefici di legge per cui il Sig. M., incensurato, è stato rimesso in libertà in attesa della celebrazione del processo prevista per i primi giorni di giugno.

CORPO FORESTALE DELLO STATO – COMANDO REGIONALE DI REGGIO CALABRIA

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano