Numeri sulle infrastrutture calabresi - Ilmetropolitano.it

Numeri sulle infrastrutture calabresi

“E’ proprio vero che di fondi strutturali in molti ne parlano, ma in pochi lo fanno con cognizione di causa e con consapevolezza. Carlo Guccione è l’ultimo in ordine di tempo a dimostrarlo”. Lo afferma, in una nota, il capogruppo del Pdl alla Regione, Luigi Fedele. “Infatti, sciorina dati e numeri – prosegue Fedele – interpretandoli in maniera critica, senza accorgersi che quelle cifre e quei numeri che egli cita confermano quanto di buono è stato fatto in termini di spesa dei fondi europei dalla nuova Giunta Scopelliti. Comprendiamo benissimo che in questi nove mesi il consigliere sia stato troppo impegnato ad animare l’interessantissimo dibattito all’interno del PD e, di conseguenza, è stato poco attento alle cose che veramente interessano ai calabresi. Per questo lo informiamo che in soli nove mesi, grazie all’importante lavoro del governatore Scopelliti e dell’assessore Mancini, la Calabria ha recuperato la disponibilità di un miliardo di euro circa per costruire nuovo sviluppo”. “E infatti, in pochi mesi, la nuova Giunta – aggiunge il capogruppo del Pdl – ha recuperato il tempo perso da quella precedente ed ha siglato il fondamentale Apq per Gioia Tauro che ha portato in Calabria 500 milioni di euro attraverso i quali sarà potenziato quel porto e sarà realizzato un moderno sistema infrastrutturale che collegherà la nostra terra al resto d’Italia e di Europa. Ed ancora, in brevissimo tempo, ha sbloccato altri 500 milioni di euro sui Pisl che da due anni languivano nei cassetti della regione e che serviranno ai comuni calabresi per dotarsi di opere e servizi che miglioreranno la vita dei nostri concittadini. Insomma la nuova stagione della Calabria parla il linguaggio dei fatti che, grazie all’impegno del governatore Scopelliti e dell’assessore Mancini, hanno preso fortunatamente il posto alle chiacchiere del passato. Al consigliere Guccione, pertanto, consigliamo di informarsi prima di esprimere giudizi affrettati”.

Giuseppe Dattola

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola