Rocco Ripepi chiama Polini: l’iridato reggino secondo nell’Italiano Scooter con il nuovo asset tecnico

Un bellissimo”secondo tempo”della carriera del due volte Campione del Mondo Scooter Rocco Ripepi. Si può certamente definire così l’incontro di questo 2011 fra il talento reggino delle ruote basse e la storica factory Polini Motori, leader da anni nelle competizioni di questa serie. Dopo aver corso e vinto con varie configurazioni tecniche e di squadra, Ripepi alla vigilia del campionato in corso ha incrociato sulla sua strada una persona che gli ha cambiato la vita agonistica. Il campione calabrese non ha dubbi: ”Devo un ringraziamento speciale a Cristian Mammi, titolare dell’ottimo Racing Team con cui ho corso alcune gare. Cristian, oltre ad aver contribuito a rendere sereno e cordiale il clima fra le varie squadre ai box,  mi ha introdotto nell’orbita della Polini, azienda leader assoluta nella progettazione, elabor azione e sviluppo del materiale da gara. Cristian mi ha presentato a Denis Polini, una persona squisita, collaborativa e disponibile che continua la tradizione del padre nella conduzione di questa factory da corsa famosa nel mondo. Appena ho preso contatto con la dimensione di questa realtà, ho capito che il loro slogan (trasforma il meglio in massimo ndr), è quanto mai azzeccato. Tutto a casa Polini è indicizzato alla massima performance, con una quota di tecnologia e professionalità impressionanti. Sono rimasto davvero catturato dal loro livello generale. Un ulteriore motivo d’orgoglio per me è che il mio nuovo preparatore, Marco Cozza, è stato subito ben accolto dai vertici dell’azienda bergamasca, che ci fornisce l’equipaggiamento tecnico.” In campionato Rocco Ripepi si è inserito a sandwich fra i due forti driver ufficiali Polini, con Corsi che segue e Tiraferri che precede in graduatoria il due volte Campione del Mondo reggino. A metà stagione, quando mancano ancora gli appuntamenti di Binetto, Latina e Pomposa per completare il calendario 2011, il bilancio per il trentenne campione delle ruote basse è più che positivo. Essere competitivo in una serie tanto combattuta e con un livello tecnico così esasperato, è il segno che il talento di Rocco Ripepi non è stato segnato dal tempo e dalla freschezza e dalla forza dei suoi rivali. Ma la partnership con la Polini e la voglia matta di restare protagonisti, sono l’additivo nella mente di questo ragazzo da corsa. Adesso il trittico di gare a chiudere l’annata agonistica, sarà il suggello di una stagione da firmare con un’altra dimostrazione di forza.

Francesco Romeo

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano