La Vicepresidente Stasi è intervenuta a una Tavola rotonda sulle Infrastrutture dello sviluppo al Salone Nautico di Genova - Ilmetropolitano.it

La Vicepresidente Stasi è intervenuta a una Tavola rotonda sulle Infrastrutture dello sviluppo al Salone Nautico di Genova

La Vicepresidente della Regione Antonella Stasi – informa una nota dell’ufficio stampa della giunta regionale – ha partecipato  stamani al dibattito “Le infrastrutture dello Sviluppo”, organizzato da UCINA e tenutosi al Salone Nautico di Genova. “La Calabria – ha dichiarato la Vicepresidente Stasi – è agli ultimi posti per incidenza posto barca/km di costa a causa di una disattenzione, negli anni, della politica riguardo al tema del mare. Il dato è di 6,3 posti barca ogni Km di costa, per un totale di non più di 5000 posti barca presenti in tutta la regione. A supplire al ritardo accumulatosi negli anni, fortunatamente, concorre oggi una programmazione regionale lungimirante, voluta dal Presidente Scopelliti, che irrompe prepotentemente e proprio da Genova comunica che la Regione Calabria ha pronto il primo piano regionale della portualitá. Un piano innovativo – ha aggiunto –  che partendo dalla progettualità che i territori esprimono, si va concretizzando con una serie di progetti di nuovi porti che, se inseriti in una logica di rete che comprenda anche i porti esistenti (adeguatamente ristrutturati, potenziati e attrezzati) possono determinate un vero circuito portuale appetibile e capace di entrare a pieno titolo nel settore del diportismo mediterraneo. Infatti attraverso la razionalizzazione dell’esistente e la realizzazione dei progetti previsti si potrà soddisfare una domanda potenziale che genera ricchezza ed occupazione e migliora la competitività. Il Presidente Scopelliti e tutto il governo regionale  – ha sottolineato ancora la Vicepresidente della Regione Antonella Stasi – considera il mare “driver” di sviluppo e per questo si è dotato di uno strumento con un obiettivo ambizioso che non consiste nella mera realizzazione di nuove infrastrutture, bensì nella creazione di un sistema basato sul connubio mare-terra, dove il porto diventa “porta di accesso al territorio”, e pertanto, elemento indispensabile ai fini dello sviluppo e della modernizzazione della Regione. Il masterplan in particolare privilegia l’obiettivo del riassetto, della riqualificazione funzionale e dell’ampliamento dei porti e degli approdi turistici esistenti oltre che quello della realizzazione di nuovi insediamenti portuali con l’obiettivo a medio/lungo periodo di realizzare circa 10000 nuovi posti barca”. Durante l’incontro, i cui lavori sono stati aperti dall’indagine dell’Osservatorio Nautico Nazionale che ha presentato il primo “Nautical Quality Index” delle Province di mare italiane, la Vicepresidente Stasi ha lanciato un appello alle associazioni di categoria nazionali come Ucina, Assonat, Assomarinas, per avviare insieme un percorso innovativo in Italia che consenta di attrarre in Calabria investimenti ed investitori nel settore della nautica da diporto, attraverso un modello garantito per chi ha deciso di investire e garantista per preservare al meglio lo straordinario patrimonio costiero regionale. g.m.

REGIONE CALABRIA

UFFICIO STAMPA DELLA GIUNTA


Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano