Ripepi è vice campione italiano: Il reggino centra il secondo posto finale nell’Italiano Scooter Polini

Un secondo posto che vale quanto un primo.Di solito chi occupa la piazza d’onore è intitolato come il primo degli sconfitti, ma il verdetto sancito dalla classifica finale del Campionato Italiano Scooter, ha un sapore speciale. Il vincitore 2011, con merito, è stato il fortissimo driver ufficiale Polini, quel Tiraferri che con le sue performance di assoluto livello ha pienamente legittimato la vittoria finale.Ripepi però, a suo modo ha confezionato una vittoria morale non da poco. Oltre che dal campione della serie di quest’ anno solare, il due volte iridato reggino ha dovuto guardarsi da Corsi,l’altro velocissimo driver bianco-blu della prestigiosa factory delle ruote basse. Ripepi si è inserito a sandwich fra i due, azzannando il secondo posto in classifica con un perfetto compendio fra velocità ed esperienza. L’assenza dalle gare per due stagioni complete e  la ricerca di un programma valido, potevano scoraggiare chiunque, ma non Rocco Ripepi. Che adesso, sempre più entusiasta della professionalità e della quota umana e tecnica dei vertici della Polini, che gli fornisce motore e trasmissione, riparte in scia per la serie 2012.Il campione reggino parla al presente ed al futuro, come di chi col passato ha condiviso immensi successi-due titoli iridati ed uno italiano-ed un periodo di transizione messo brillantemente alle spalle.Sull’ultimo round di Pomposa, Ripepi insiste sul tema:”Eravamo in difficoltà con i tempi, perché il nostro motore era settato per un erogazione rivolta verso gli alti regimi e non riuscivamo ad esprimere un buon potenziale su quel tipo di pista.Pur cambiando varie tarature di trasmissione e carburazione, restavamo lontani dai più veloci.Poi il grandissimo preparatore Polini, Beppe Gosis,esemplare non solo per bravura ma anche per disponibilità e umanità, si è interfacciato con il mio preparatore Marco Cozza e insieme ne sono usciti fuori alla grande.Vedere lavorare in sinergia questi due professionisti, mi ha rassicurato su quello che sarebbe stato il progresso  velocistico.I piazzamenti finali che ci sono valsi il secondo posto finale in classifica, sono stati il massimo che potevamo fare a Pomposa.” Il futuro è già iniziato, tanto per Ripepi quanto per la Polini, che sta già attingendo dal suo sovrabbondante patrimonio tecnologico per alzare la quota performance nel 2012.Il pilota reggino dovrebbe provare presto un nuovo motore, segno della fiducia riposta nella sensibilità e nell’esperienza acquisita in anni di corsa dal driver calabrese.La factory bergamasca, al top della produzione mondiale nei componenti destinati alla velocità a ruote basse e anche ai prodotti di serie,ha sempre collaborato nello sviluppo , senza mai fare distinzioni fra piloti. Un esempio di serietà che ha molto colpito Rocco Ripepi.Adesso il prossimo appuntamento è per l’Eicma 2012, la più prestigiosa kermesse del pianeta dedicata alle due ruote, dove la Polini Motori, da marchio leader  del settore, avrà un proprio stand.Con Rocco Ripepi gradito amico della factory più prestigiosa e vincente del settore.

Francesco Romeo

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano