Nuova Jolly sconfitta in casa dal Marsala - Ilmetropolitano.it

Nuova Jolly sconfitta in casa dal Marsala

Una Nuova Jolly irriconoscibile soccombe nella sfida contro la Pallacanestro Marsala. Termina 71-51 per gli ospiti l’incontro valevole per la nona giornata del girone di andata del campionato di Dnc. Tra i reggini, si è sentita forte la mancanza di Benjamin German: l’argentino, infortunato, è un uomo di esperienza, con punti nelle mani e difesa a tutto campo. Senza German la Nuova Jolly pare aver smarrito la carica che l’aveva contraddistinta nelle scorse settimane, così coach Ortenzi propone sul parquet sin dal primo minuto una batteria di piccoli (e giovani) composta da Riccardo e Dario Costa, con Caccamo che si sta conquistando sempre più minuti, meritando lo starting five con una prova generosissima, a disposizione della squadra soprattutto in difesa. Il resto – quasi tutto il resto – lo hanno fatto i due senior Tramontana e Ates (15 punti a testa nel tabellino finale), con Riccardo Costa e Vozza, autori di 8 e 7 punti.

La gara inizia nel segno del reggino doc Saccà, pronto a fare il bello e il cattivo tempo davanti al poco pubblico del PalaPentimele: passano da lui i palloni principali del Marsala, che portano l’asse Sisto-Festino (top scorer dell’incontro ex-aequo a quota 16) a concludere agevolmente a canestro. Ates e Tramontana si caricano sulle spalle tutta la Nj e tra i canestri fatti (con tanto di canestro dai 6 metri e 75 di Tramontana, lungo atipico) e palloni recuperati, la squadra di Ortenzi si ritrova avanti nel punteggio: 16-14.

È un fuoco di paglia, che non scalderà a sufficienza il match. Prova ne sia la sequenza di canestri da 3 punti centrati dal Marsala al rientro in campo. Si svegliano le “bocche da fuoco” e in un batter d’occhio Festino, Grillo e Giacalone (due volte) colpiscono dalla lunga distanza. Un break che spezza le gambe alla Nuova Jolly, incapace di trovare fluidità in attacco e nemmeno compattezza in difesa. Dal +2 di fine prima frazione di gara al -12 siglato da Fornasari (16-28). Marsala fa un sol boccone dei ragazzini e Ates e Tramontana tamponano per quanto possono con due realizzazioni, appoggiando alla tabella. Vozza da speranza ai suoi con una “bomba” che riporta i padroni di casa sotto di 7. Si va negli spogliatoi sul 23-31.

Ortenzi comprende che la restante parte di gara sarà dura, già dalle prime battute, con Grillo e Festino a perforare da sotto e dalla media distanza. La Nuova Jolly tenta la zona e prova a rimanere a galla con Tramontana e Ates (ancora loro). La compagine di Marsala, guidata in panca da coach Grasso, con la premiata coppia Baggioli-Giacalone confeziona l’ennesimo parziale: +19 e gara di fatto già in archivio, con Saccà e Grillo che segnano prima dello scadere di terzo periodo un canestro da tre punti per uno, che appaiono tanto come due sigill alla vittoria dei siciliani. Alla sirena il tabellone recita: Nuova Jolly – Marsala 36-54. Ma non è ancora finita.

Ci sono i dieci minuti finali in cui si gioca solo per onor di firma. C’è giusto il tempo per vedere due buone azioni di Vazzana (con altrettante realizzazioni) e l’ingresso in campo di Rizzo e Federico. Nulla più. Marsala batte una Nuova Jolly spenta, che ha pagato forse oltre misura l’assenza di German. Termina 71-51, gli ospiti proseguono la risalita con la striscia positiva salita a quattro vittorie consecutive. Per la Nj si tratta del terzo stop di fila, urge cambiare rotta.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano