È super Juventus! Malissimo Inter e Roma, il Milan cresce e fa paura - Ilmetropolitano.it

È super Juventus! Malissimo Inter e Roma, il Milan cresce e fa paura

Per la terza volta la Serie A torna a giocare di Venerdì, i protagonisti sono i ragazzi di Allegri contro il Genoa del tanto criticato Malesani. È una partita a senso unico, i rossoneri giocano un altro calcio, a un livello nettamente superiore, Ibrahimovic ritrovando serenità e voglia di giocare ritrova anche continuità nel segnare, non sbagliando dagli undici metri; la rete del due a zero la segna Nocerino. Giuste le critiche per il mister rossoblù. L’Inter clamorosamente perde in casa contro una delle squadre più in forma del campionato, l’Udinese di mister Guidolin. Si sbagliano due rigori, uno per parte, Di Natale si vede neutralizzare il tiro dagli undici metri da Julio Cesar mentre Pazzini comicamente scivola al momento del tiro fallendo il penalty. Il gol vittoria lo segna Isla ormai inventato ala destra da Gudolin. È una partita a senso unico quella tra Napoli e Lecce, i ragazzi di Mazzarri motivatissimi per la partita in Champions League di mercoledì prossimo non sottovalutano l’avversario e pressando aggressivamente su tutti i palloni e affidandosi alle ripartenze di Lavezzi rifilano quattro gol ai giallorossi. Cavani sembra esser tornato quello dell’anno scorso, sigla infatti una doppietta, Lavezzi e Dzemaili firmano le altre due reti. inutili le reti di Muriel e Corvia.

Il Catania perde l’imbattibilità in casa contro il Cagliari di Ballardini che non potendo contare sull’infortunato Nenè affida le chiavi dell’attacco allo strapotere fisico di Ibarbo, che dopo aver fatto fuori mezza difesa ed essersi marcato il portiere appoggia la palla in rete. È sfortunato il Siena di Sannino che dopo aver perso nella fase finale contro l’Inter la scorsa giornata perde ingiustamente anche la quattordicesima giornata fuori casa contro il Bologna. La squadra di casa non gioca un bel calcio ma sfrutta al meglio la migliore occasione da gol con Di Vaio che non sbaglia, dopo la rete si forma un muraglia tra centrocampo e difesa sulla quale si infrange il Siena che crea di tuttto e di più ma senza riuscire a segnare. Giusto il pareggio tra Chievo e Atalanta, due squadre che nella fase iniziale si studiano per poi sfidarsi nella seconda metà di gara. Il capocannoniere della serie A Denis si va vedere più volte sotto porta senza trovare il gol mentre Pellissier deve rinviare per l’ennesima volta l’appuntamento con il centesimo gol con la maglia del Chievo.

Il nervosismo è alle stelle e la Roma giocando un calcio pessimo e terminando la partita in nove, perde fuori casa contro la Fiorentina di Delio Rossi. Jovetic è super semina il panico nella difesa avversaria e segna la prima rete, ci pensano Gamberini che trova nei giallorossi la sua meta preferita e Santiago Silva a chiudere definitivamente il match. Solo panchina per Francesco Totti. La Juventus non si fa prendere dal panico e con la testa riesce a portare a casa tre punti preziosi contro il Cesena, per mantenere la vetta solitaria. Segna uno dei più forti centrocampisti del mondo, Claudio Marchisio la rete dell’uno a zero ci pensa poi Vidal a realizzare un facile calcio di rigore, facile poiché in porta non c’era il veterano Antonioli ma il centrale difensivo Rodriguez, messo tra i pali poiché le sostituzioni erano state esaurite. Sta un po’ stretto il pareggio al Parma che dopo aver creato e divorato l’impossibile contro il Palermo si arrende allo zero a zero. Giovinco prende pali e traverse, Pellè fa una gran partita ma continua a rimanere fermo a quota zero gol in serie A. La squadra di Mangia non potendo contare su Miccoli, Zahavi e Hernandez infortunati non crea quasi niente con il solo Pinilla in avanti. Si aspetta con ansia il match tra Lazio e Novara, dove Cissè si giocherà molto e cercherà di far bene per rappacificarsi con la tifoseria laziale e il Novara cercherà di portare a casa punti preziosi per tentare di uscire al piu presto dalla zona retrocessione.

Giuseppe Foti

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Foti