RESOCONTO 2011 SQUADRE SERIE C NAZIONALE

Sei squadre calabresi in Serie C Nazionale. Nel Settembre del 2011, ai nastri di partenza della quinta serie del basket nazionale sei rappresentanti di un movimento che ha visto la crescita di alcune realtà emergenti ed un momento di grande difficoltà di una piazza che aveva fatto delle ottime cose nell’ultimo lustro, oltre alla conferma di società che ormai sono diventate clienti fisse di questa categoria e la sparizione di una compagine che lo scorso Aprile si qualifica per i play-off e, due mesi dopo, alza bandiera bianca.. La squadra che è dovuta ripartire della vecchia Serie C1 è il Catanzaro dopo che la vecchia gestione ha deciso di non iscriversi nella serie B Nazionale per la mancanza di forze economiche. Catanzaro ha fatto delle grandi cose in quarta serie sfiorando anche la Promozione qualche anno fa ma, lentamente, le forze economiche sono terminate ed, infatti, ecco che arriva ad Agosto l’annuncio del ritiro. Fortunatamente, c’è stata la possibilità di ripartire da una categoria inferiore con una squadra che sta divertendo il pubblico del PAlaGiovino e che ha puntato su un gruppo giovane che può crescere e ridare linfa a questa prestigiosa piazza.  Se Catanzaro riparte dopo tante difficoltà, crescono due società del panorama reggino. La Redel e la Nuova Jolly sono le novità piacevoli del movimento e si stanno confermando anche in questa prima esperienza in Serie C Nazionale. La Redel ha dominato il campionato di Serie C Regionale passato grazie all’ottimo lavoro fatto da coach Surace e da una squadra che ha dovuto sudare le classiche sette camicie per superare in finale la Gioiese ma che, alla fine , ha meritato la promozione. Per la prima esperienza in quinta serie, è stata allestita una compagine in cui si mescolano perfettamente giovani leoni come gli ex neroarancio De Marco, YAsakov e Stracuzzi e veterani dal grande nome basti pensare a gente come Antinori e Cavalieri; insieme ai confermatissimi Scaffidi e Grande ed la giovane Scalfaro, coach D’Arrigo si è ritrovato fra le mani un gruppo che può aspirare a più di una semplice salvezza. La Nuova Jolly ha invece richiesto ed ottenuto il ripescaggio e così la società del presidente Vozza ha la possibilità di far maturare i suoi giovani più interessanti in un contesto altamente competitivo. I vari Costa, VAzzana e compagnia hanno delle potenzialità importanti che verranno affinate dal lavoro di Leo Ortenzi, giovane tecnico che ha già alle spalle esperienze di alto livello. Ha dato forfait invece il Cosenza che, dopo una grande stagione ed un terzo posto nella regular season, non è riuscita a trovare le forze per iscriversi alla nuova stagione facendo perdere alla Calabria una piazza importante che stava crescendo ma nella città silana non c’erano più le condizioni per andare avanti e così Pate e compagni non hanno potuto ripetere la splendida cavalcata del 2010-11. In positivo da registrare le conferme di Audax, Rosarno e Soverato. i reggini si sono accoppiati con il marchio Eco Service ed hanno costruito una squadra che può sicuramente centrare una tranquilla salvezza e magari inserirsi nella lotta per i play-off soprattutto se il mercato porterà un nuovo lungo d’impatto. Il presidente Vita è stato capace di riprendersi dopo due stagioni di grandi difficoltà ed adesso si gode un campionato tranquillo in cui si è scelto di puntare su tanti giovani talenti del territorio reggino. Oltre questo, grande importanza come al solito per il settore giovanile che è stato affidato al tecnico toscano Stefano Dari. Il Rosarno ha confermato in blocco il gruppo dello scorso anno che ha raggiunto degli ottimi risultati e punta alla solita solida stagione affidandosi al talento di Iaria ed alla concretezza di Rizzieri. Stesso discorso per il Soverato, altra realtà che può fare un buon torneo e che ha alle spalle una società solida. I propositi per il 2012 delle sei sorelle sono quelle di raggiungere i risultati sportivi ma, soprattutto, cercare di rafforzare le strutture societarie mentre il basket perde forze economiche nel momento in cui la Federazione fa aumentare tutti i costi di gestione. Ogni Estate si fa la conta delle società che falliscono ma la speranza dei sei presidente delle squadre reggine di quinta serie è quella di poter continuare questi progetti che, in qualche modo, stanno dando tante soddisfazioni ad un movimento che vuole tornare a produrre entusiasmo e risultati dopo aver fatto tanti passi indietro negli ultimi anni.

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola