Prosegue EnjoyCalabria a Londra - Ilmetropolitano.it

Prosegue EnjoyCalabria a Londra

Giovedì 23 febbraio, nel vivace quartiere di Mayfair, cuore pulsante della capitale del Regno Unito, si è svolto un nuovo importante evento di promozione commerciale dei prodotti tipici calabresi, dedicato esclusivamente agli addetti del settore. L’evento, organizzato da JoyVenture in collaborazione con la Camera di Commercio e Industria italiana per il Regno Unito, ha avuto luogo in uno dei ritrovi più frequentati dagli amanti della cucina italiana a Londra, ovvero il famoso Bar Trattoria Semplice, 22 Woodstock St. London W1C 2AR. Il Presidente della Camera di Commercio italiana a Londra, Leonardo Simonelli, ha introdotto ai media ed agli ospiti presenti alla conferenza stampa, che ha preceduto l’evento, il progetto EnjoyCalabria. EnjoyCalabria nasce dalla collaborazione di JoyVenture, società britannica esperta nella commercializzazione nel mondo di prodotti alimentari, con due studi legali calabresi, lo Studio Legale Romolo & Ruggiero e lo Zagaminternational law, che insieme hanno scommesso sulle piccole e medie imprese calabresi, per le quali accedere ai mercati esteri risulterebbe difficile e complicato. Il meeting di Giovedì 23, con presentazione alla stampa e degustazione, segue gli eventi e gli incontri con addetti ai lavori sin qui organizzati nella capitale Londinese da Joyventure nell’ambito dell’avviata attività di export marketing dei prodotti delle aziende calabresi che hanno aderito, a proprie spese, al progetto EnjoyCalabria.

Il Presidente Simonelli, nel suo discorso durante la conferenza stampa di presentazione, ha illustrato le notevoli opportunità commerciali, oltre a quelle di sviluppo e di marketing, che potrebbero scaturire dalla diffusione dei prodotti calabresi nel mercato londinese, ricordando come il Brand Calabria, nel settore del Food and Beverage, stia riscuotendo ampi consensi di pubblico nel Regno Unito anche grazie alla presenza di numerosi italiani e calabresi in particolare. L’Avvocato Paolo Zagami, dello studio Zagaminternational law,  si è soffermato sugli aspetti legali relativi ai contratti di import-export conclusi tra le aziende calabresi e JoyVenture, e tra quest’ultima ed i distributori inglesi, evidenziando inoltre come l’intera operazione sia attentamente monitorata mediante la predisposizione di dettagliate procedure di due diligence finalizzate a garantire la massima sicurezza nella logistica, spina nel fianco per le nostre aziende tanto da metterne spesso, a torto o a ragione, in dubbio immagine e credibilità commerciale. Joyventure difatti è una società inglese che garantisce agli acquirenti un door to door accollandosi rischio di trasporto, consegna e controllo di qualità, tutto ciò a partire dal ritiro della merce direttamente dall’azienda calabrese per farla arrivare all’azienda britannica, riducendo così di molto il rischio che spesso accompagna questo tipo di transazioni, data anche la particolare natura di deteriorabilità dei prodotti alimentari. Il produttore calabrese, dal canto suo, riduce di gran lunga il rischio di una vendita internazionale, limitandosi solo a negoziare con una società della quale è cliente in forza di un contratto firmato (non con un semplice vettore). La società inglese lavora per il produttore calabrese in termini di logistica ed export marketing, offrendogli la possibilità di conquistare i mercati esteri fruendo di un marchio di distribuzione britannico con un notevole risparmio. Le aziende calabresi difatti pagano una fee d’ingresso limitata, rispetto a questi tipi di costi, grazie alla suddivisione delle spese tra le aziende presenti nel progetto e alla presenza dei capitali inglesi che investono nello stesso. Al termine della conferenza stampa è iniziato il vero e proprio evento di degustazione dei prodotti tipici e di contatto e presentazione con i numerosi qualificati ospiti che hanno partecipato alla serata. L’attenzione prestata alla selezione degli invitati da parte della Camera di Commercio italiana e quella prestata dalla export manager del progetto Martine Bellè nella selezione delle undici aziende presenti, combinate insieme, hanno reso il tasting dei prodotti un vero e proprio successo. L’avvocato Maurizio Romolo, Studio Legale Romolo & Ruggiero, insieme alla export manager del progetto, Martine Bellè, durante la degustazione hanno presentato dettagliatamente agli ospiti presenti, ovvero GDO, ristorazione associata ed alberghiera, distributori, le caratteristiche delle undici aziende presenti e dei loro prodotti, ormai già noti ad un buon numero di questi addetti al settore che sin dallo scorso dicembre hanno avuto modo di testare gli stessi prodotti, grazie all’attività di promozione sin qui effettuata da Joyventure. Anche in questa occasione, l’olio extravergine della piana di Gioia Tauro, delle aziende Acton e Carbone, le delizie di Belmonte, dell’antica azienda Colavolpe, i salumi tipici delle reggine Benedetto e Diamante, i prodotti da forno di Non Solo Pane, i sott’oli e le marmellate di Sorianoli da Campora San Giovanni, i vini della Ceraudo di Dattilo e delle Cantine Altomonte di Palazzi, Cosmì di Bivongi ed Erbe Bianche di Palmi, hanno riscosso un nuovo gran successo. Con alcuni di questi operatori, per gli agenti di Joyventure, si tratta adesso di discutere solo di prezzi. Ancora una volta, dunque, nella vetrina londinese una bella e qualificata immagine delle grandi qualità e delle notevoli potenzialità della terra calabrese e delle sue aziende, in un momento in cui Londra, con i suoi quasi venti milioni di abitanti, vive un elettrizzante fermento, che in questo caso si traduce anche come enorme potenzialità di mercato, in vista dei prossimi Giochi Olimpici.

Ilaria Marino

Recommended For You

About the Author: Ilaria Marino