Olympia pareggia in gara1, tutto si deciderà nella gara di ritorno

Santa Marinella 55 – Olympia RC 55

Santa Marinella: Vicomandi 2, Di Fraia 6, Del Vecchio 14, Paparazzo 2, Bolognesi 14, Consoli 9, Romitelli, Russo E. 8, Ciarlino, Russo F.

OLYMPIA RC: Certomà 7, Servillo 12, Guerrera 6, Amodeo, Imeneo, Ambrogio, Anechoum 2, Melissari 2, Bertan 19, Grima 7. All. Enzo Porchi – ass. Maurizio Arcudi

parziali: 18-20 28-30 43-41 55-55
Arbitri: Rodia Pietro (AV) – Marino Antonio (AV)

L’Olympia Reggio Calabria termina con un pareggio, 55-55, la gara di andata in terra capitolina contro il Santa Marinella, spareggio per la promozione in Serie A2.

La posta in gioco è altissima, adesso tutta una stagione di sacrifici, duro e ininterrotto lavoro si deciderà negli ultimi 40 minuti di Sabato 12 Maggio al PalaBotteghelle di Reggio Calabria alle ore 16:00 nella la gara di ritorno.

Questo pareggio impone però soltanto un imperativo categorico alla compagine del patron Melissari: l’obbligo di vincere.

La gara inizia con tutto il peso del risultato e la pressione sulle spalle del Santa Marinella che, vista la possibilità della differenza canestri e volendo approfittare del vantaggio del campo, è costretta a vincere e col maggior scarto di punti possibile, ma le atlete di coach Enzo Porchi sono scese in campo mentalmente forti e senza nessun timore “anzi – dirà il coach a fine partita – ho letto negli occhi delle mie giocatrici la voglia di vincere ed un forte spirito combattivo. In questi spareggi spesso c’è la diffusa idea di giocare limitando i danni e di subire il meno possibile per giocarsi poi tutto nella gara di ritorno, ma questo pomeriggio non è stato assolutamente per le mie ragazze. Hanno risposto colpo su colpo ad ogni iniziativa del Santa Marinella, hanno attaccato e difeso con una intensità eccezionale. Ribadisco – prosegue coach Enzo Porchi – quest’oggi ho visto nei loro occhi il desiderio di vincere e questo è testimoniato dai primi 2 quarti chiusi in vantaggio.”

Nei secondi due quarti invece l’inerzia passa in mano alla formazione di casa del Santa Marinella, squadra molto fisica, preparata e che esprime un ottimo gioco di squadra, passa presto sul + 5 ma un canestro dalla linea dei 6,75 di un’ottima Tania Bertan e il canestro in transizione di Giulia Melissari impattano il match sul 55 – 55 rimandando ogni discorso a Sabato 12 al PalaBotteghelle.
Eccezionali anche le performances della grintosa Ilenia Certomà, Daniela Servillo e della rientrante Sofia Guerrera mentre Josephine Grima è purtroppo costretta dalla situazione falli a giocare circa 25 minuti.

Fra 6 giorni si ripartirà quindi da 0-0, nessun svantaggio da recuperare, nessun punteggio da difendere, sarà un incontro “nuovo” ma stavolta i canestri, i tifosi ed il parquet saranno quelli del Botteghelle di Reggio Calabria, in palio c’è l’ingresso nella storia.

Carlo Vetere
reggioacanestro.com

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano