Il punto sul basket regionale, intervista a Paolo Surace (FIP CALABRIA)

20120528-193702.jpgdi Giuseppe Dattola – La Federazione del basket calabrese è attiva nel settore giovanile. Ci sono tanti progetti che si stanno portando avanti sia per quanto riguarda la pallacanestro maschile che quella femminile. L’obiettivo è quello di rilanciare il movimento e fare in modo che si riesca in qualche modo a superare questo momento di crisi economica che ha portato le società del territorio a diminuire gli investimenti a favore dei vivai a parte qualche eccezione come nel caso della Scuola Basket Viola. abbiamo fatto un punto della situazione con Paolo Surace, responsabile territoriale della sezione minibasket calabrese d uomo che, da anni, vive dall’interno la crescita di questo ramo della pallacanestro regionale: “E’ un momento duro per tutti – dice Surace- in mancanza di fondi e di energie economiche, in questo periodo è fondamentale avere idee positive e programmi concreti in modo tale da lavorare in un altro modo rispetto al passato. Dobbiamo far fronte a tante difficoltà ma l’obiettivo della federazione è quello di non arrendersi e lavorare con professionalità per cercare di tenere vivo il movimento.”. ed organizzare stages informativi invitando personaggi illustri del basket nazionale rientra in quest’ottica: “E un altro passo del nostro percorso. Nelle ultime settimana, la Calabria ha ospitato alcune figure di rilievo del settore tecnico della Nazionale come gli allenatori Bocchino e Cremonini. Tre giorni di stages in cui i ragazzi hanno avuto modo di imparare alcune tecniche nuove ma, soprattutto, è stato importante il confronto con allenatori ed istruttori regionali che hanno assistito alle lezioni ed hanno partecipato ad un clinic formativo che gli sarà molto utile per il proseguo della loro carriera.”. un’altra nota dolente è la diminuzione del numero dei tesserati: “purtroppo è così. Cerchiamo di lavorare sulla qualità piuttosto che sulla quantità anche se non è facile far crescere un movimento se gli iscritti calano sempre di più stagione dopo stagione. Un altro nostro obiettivo è rinforzare l’opera di reclutamento cercando collaborazioni con scuole ed associazioni in cui ci sono nuove leve da coinvolgere. Il basket non ha più l’appeal degli anni’90 anche perché i genitori hanno meno tempo e soldi per dedicarsi all’attività sportiva dei figli ma stiamo cercando di invertire questo trend negativo perché, in Calabria, ci sono tutte le condizioni per ritornare ad essere una regione che produce uomini e realtà positiva nel mondo della pallacanestro.” . una Federazione quindi che vuole coinvolgere il territorio con tante iniziative, intanto, si avvicina gli appuntamenti importanti con i vari trofei nazionali riservati alle selezioni regionali in cui la Calabria cercherà di riscattare le recenti delusioni. Tornare a casa con passivi medi di trenta punti non dà fiducia per il futuro ma c’è fiducia sui progressi fatti negli ultimi dodici mesi da parte di un gruppo che ha delle individualità eccellenti.

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola