Giulio Terzi condanna gli attacchi in Nigeria

18\06\2012 – E’ il Ministro degli Esteri, Giulio Terzi, a prendere la parola in questi giorni e a farsi portavoce di una preoccupazione internazionale ormai crescente a causa dei pedissequi attacchi contro i cristiani creatasi in Nigeria. Sono parole dicondanna quelle espresse, trattandosi di una vera propria forza di “terrorismo grave e preoccupante”. Ribadendo  oltremodo il massimo impegno dell’Italia nelle sedi internazionali e nell’ambito dell’ Ue, ha parlato di necessità di “tutelare e promuovere la libertà di religione”, sottolineando la volontà e l’urgenza di affrontare la questione della tutela delle minoranze relgiose, alla prossima riunione fra i 27 Ministri degli Esteri Europei il 25 a Lussemburgo. ”E’ imprescindibile, dopo le orribili violenze in Nigeria, che il prossimo Consiglio degli affari esteri Ue discuta della tutela delle minoranze religiose, chiesta da Italia”. Secondo Terzi, per combattere questi attacchi,  occorrerebbe agire su “due piani”. Il primo individuando, contrastando e prevenendo queste forme di violenza. Allo stesso tempo, sarebbe opportuno “portare programmi concreti”. In particolare, “sul piano dell’educazione” e nella “formazione degli insegnanti”; su quello dell'”informazione della società civile” e nello “sviluppo di una coscienza sociale diversa” in Nigeria. Quello di Boko Haram, ha ricordato Terzi, “è un fenomeno locale” che però si collega anche al “jihadismo globale”. Ciò che rimane certo è che la portata di  un intervento dovrà essere tale da prevedere tutte le forme di tutele all’interno delle costituzioni al fine di sviluppare il concetto di tolleranza e collaborazione antiterrorismo.

Recommended For You

About the Author: Alessandra Tavella