Lascia pure che il mondo parli…Milan l’è un gran Milan!!! - Ilmetropolitano.it

Lascia pure che il mondo parli…Milan l’è un gran Milan!!!

Milano Fashion week29\09\2012 – Milano non piace quasi a nessuno di quelli che ci vivono..non amano il ritmo che li spinge sempre di corsa, hanno problemi di stomaco per i panini alla piastra che mangiano al volo durante la pausa pranzo e guardano fuori dalla finestra vagando con la mente verso spiagge esotiche su cui rilassarsi. Ma c’è una settimana in cui tutti amano Milano: è la settimana della moda!!! In quei sette giorni Milano si trasforma e diventa davvero bellissima. La sua magia coinvolge tutti e anche chi la odiava improvvisamente ne riscopre il fascino. Per le strade donne e uomini bellissimi sembrano sfilare su una passerella d’asfalto e tu scopri con stupore che non si tratta solo di modelli professionisti, ma anche di gente comune che per qualche giorno soltanto si lascia avvolgere da un’aura di bellezza esclusiva. Ed anche quest’anno il miracolo si è ripetuto, in fondo Milano non delude mai!!! Dopo New York e Londra, anche la capitale della moda italiana ha mostrato le anticipazioni e le tendenze della Primavera – Estate 2013 della moda donna. Dal 19 al 25 settembre, i grandi della moda italiana e gli esordienti hanno sfilato sulle passerelle di location prestigiose come il Castello Sforzesco, Palazzo Clerici e la Triennale di Milano. Gucci, Fendi, Giorgio Armani ed Emorio Armani, Versace, Moschino, Dolce&Gabbana, Roberto Cavalli e tanti altri: il meglio del Made in Italy ha illuminato le passerelle e le strade della città lombarda! Sono “ 43 quadri d’autore ” le proposte di Roberto Cavalli. L’ispirazione è Art Nouveau, con stampe disegnate a mano e ampi dettagli in pizzo, pelle traforata fino a sembrare un merletto o ridotta a striscioline raccolte poi insieme. Sensualità in primo piano!! Gli abiti fluttuano mettendo in evidenza la silhouette femminile e rendendo raffinata ed iperfemminile l’intera collezione. Il corpo della donna è una tela dipinta e incorniciata da motivi naturali trasformati in decorazioni, applicazioni preziose e con le iconiche contaminazioni animalier simbolo del brand! Sono giovani donne libere e sicure di sé quelle presentate nella collezione PE 2013 di Just Cavalli. Vestono jeans slim con top asimmetrici, abiti con gonne corte a pieghe e vita ben segnata, capispalla in pelle lavorata e intagliata e doppiopetti rivisitati nelle proporzioni più lunghe con oblò strategici. Le stampe animalier, un classico del brand, vivono sole o abbinate a macro disegni floreali – sono rivisitate, però: per ottenere l’iconica stampa giaguaro, sono state, infatti, usate forme e colori che vestono il guscio delle conchiglie maculate. Ecco allora che al maculato e ai fiori, si mescolano crature marine, provenienti da profondità sconosciute!! La passione di Dolce&Gabbana per la Sicilia è ormai nota, ma nella collezione PE 2013 questa splendida regione del Sud Italia diventa una seconda pelle e veste di solarità e lucentezza la donna. In passerella risuona Domenico Modugno con “Meraviglioso” e “Volare” e sfilano un trionfo di stampe dai colori accesi, come dipinte sulle T-shirt ampie e morbide e sugli abiti: pupi,carretti siciliani, ceramiche di Caltagirone. Benvenuti da Dolce & Gabbana..benvenuti in Sicilia!!! Il viaggio parte da Taormina lungo le coste, tra le righe degli ombrelloni in riva al mare, seguendo le processioni religiose tra sagre paesane e piccoli negozi di artigiani che vendono tomboli, marionette e cesti di vimini. Ci sono persino due abiti “sacco”, con il tessuto a richiamare i sacchi di iuta per il trasporto degli alimenti di un tempo, con le scritte “Fatto a Mano, Saluti da Taormina, Mare-Sole-Amore e Prodotto e Conservato da Dolce e Gabbana”. Sulla passerella di Stefano e Domenico è tutto semplicemente meravigliosooooooo!!! La donna di Emporio Armani per la PE 2013 è sognante e nostalgica. Una collezione che si apre con capi d’ispirazione sixties dalle linee geometriche e decorazioni optical black and white, per poi riprendere gli anni ’90 ed il minimal e il rigore che caratterizza quel periodo di rifiuto per l’eccesso del decennio precedente. La giovane donna di Emporio Armani è sveglia, pratica, in carriera: rigorosa di giorno, più sexy la sera con shorts e minigonne, abitini metallizzati, ma mantenendo la sua professionalità e il suo potere, quasi mascolino. È anche la protagonista perfetta di un film di Antonioni, soprattutto quando è nelle sue meravigliose sahariane in seta, avvolta in total look che variano dal cammello ai colori della terra, il tutto sotto forme morbide e fluenti che allungano la silhouette. Assume, poi, un’aura romantica e girly, quando la palette di colori si sfuma di rosa pastello, oro avorio e bronzo, mai troppo vividi e forti ma sempre tenui e velati, quasi un colore-non-colore tanto i toni sono mutevoli e indefiniti. Caleidoscopio!! Si chiama così la collezione di Re Giorgio Armani. Un caleidoscopio che scompone, rifrange ed illumina il guardaroba classico della donna Armani. Il risultato sono capi dalla silhouette morbida e destrutturata, dall’aspetto quasi evanescente grazie all’uso di sete leggere e dell’organza. Elegante e ricercata, come di consueto, la palette cromatica: nero, turchese e grigio sono i colori principali, illuminati da un tenue verde giada, dagli azzurri nuvola e dal bianco. Non manca, ovviamente, un’ampia proposta nel blu notte, cromia favorita dello stilista. Che dire..ci sarebbe tanto e tanto altro ancora da mostrarvi per farvi sognare un po’, ma troppa beltà tutta in una volta non fa bene agli occhi ed al morale di noi comuni mortali. Meglio, quindi, deliziarci con delle pillole di zucchero che strafogarci con una montagna di panna montata…o no??? Beh intanto iniziamo a banchettare che a portare le bollicine ci penserà Paris!!!

Consuelo Occhiuto

Recommended For You

About the Author: Consuelo Occhiuto