MINISTRO AMBIENTE

Min. Ambiente Corrado Clini

Il Ministro dell´Ambiente Corrado Clini si è recentemente espresso favorevolmente sulla compatibilità ambientale del progetto della multinazionale svizzera SEI S.p.A.,  relativo alla costruzione di una centrale termoelettrica a carbone presso l´area della ex Liquichimica di Saline Joniche.   La Comunità MASCI – Movimento Adulti Scout Cattolici Italiani – Reggio Calabria 4 “Mons. Giovanni Ferro”, che già nel 2008 aveva espresso, attraverso un proprio parere motivato al Ministero il proprio diniego, conferma la sua contrarietà alla realizzazione della centrale a carbone, per via delle ripercussioni negative che essa avrebbe sull´ambiente, sulla salute dei cittadini e sullo sviluppo economico dell´intera area.Vogliamo unirci ai comitati locali, alle associazioni ambientaliste e alle amministrazioni locali che, con forza e determinazione, si sono già schierate per il NO al CARBONE.Consapevoli che l´autodeterminazione delle popolazioni locali, attraverso le proprie istituzioni, sia un principio imprescindibile, spesso ignorato, vogliamo anche noi dire NO AL CARBONE a Saline Joniche. Non vogliamo che accada come è accaduto negli anni Settanta, quando a Saline fu imposto, da parte del governo nazionale, un progetto di sviluppo orientato all´insediamento di aziende chimiche, a devastante impatto ambientale e fortemente contrario a quelle che erano e sono le vocazioni del territorio. Il fallimento di allora è ancora davanti agli occhi di tutti. La società civile e le amministrazioni locali non possono permettere che si compia lo stesso errore.La zona di Saline Joniche è altamente vocata al turismo e all´agricoltura. Il mare è limpido e cristallino, la spiaggia di sabbia finissima gode di condizioni climatiche ottimali per quasi tutto l´anno. Inoltre, nell´area interessata è presente il pantano di Saline Joniche, zona  SIC e ZPS, riserva di biodiversità da tutelare, oltre altre aree Sic nelle zone limitrofe.Sorge spontaneo l´interrogativo sul perché si sia scelto di utilizzare ingenti risorse per costruire in questa´area un ECOMOSTRO, anziché procedere allo sviluppo sostenibile del territorio, in direzione opposta rispetto agli altri finanziamenti, erogati dall´Unione Europea anche attraverso la Regione Calabria , che tendono a valorizzare l´intera area per lo sviluppo rurale e l´eco-sostenibilità del territorio.

Giuseppe Dattola

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano