Rigassificatore San Ferdinando, Cirella e Di Martino “Non vogliamo silenzi a scapito del nostro territorio.” - Ilmetropolitano.it

Rigassificatore San Ferdinando, Cirella e Di Martino “Non vogliamo silenzi a scapito del nostro territorio.”

Apprendiamo dagli organi di stampa e dall’allarme lanciato dai movimenti e dai cittadini che, presto, potrebbe consumarsi una vera e propria beffa ai danni del territorio della Piana. Stiamo parlando del rigassificatore che la LNG Medgas vorrebbe costruire a San Ferdinando. La beffa verrebbe proprio dal Parlamento. Uno degli ultimi “regalini” lasciato dal cosiddetto governo “tecnico” di Monti sarebbe proprio il comma 1 bis dell’articolo 38 del decreto sviluppo che, di fatto, supera le stringenti prescrizioni del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici che, per ben due volte, si era già espresso con pareri interlocutori negativi alla costruzione dell’impianto che avrebbe ripercussioni pericolose sul territorio della Piana. All’articolo 38 del decreto sviluppo leggiamo infatti “Nell’ambito del procedimento per il rilascio della concessione demaniale (…) l’eventuale parere definitivo del Consiglio superiore dei lavori pubblici viene reso entro centoventi giorni dalla richiesta. Decorso tale termine, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti invita il Consiglio superiore dei lavori pubblici a provvedere entro un termine non superiore ad ulteriori trenta giorni, decorsi i quali il parere si intende reso in senso favorevole (…) e si procede alla conclusione del procedimento di concessione demaniale entro i successivi sessanta giorni”. In pratica un “silenzio assenso” inaccettabile che consentirebbe di superare tutti i veti in maniera subdola passando automaticamente la palla all’Autorità portuale che dovrà rispondere alle richieste della LNG Medgas. Riteniamo questo un vero e proprio imbroglio teso ai danni dei cittadini; il tentativo di costruzione di questo impianto, inutile e dannoso per una serie di motivi che abbiamo denunciato più volte, non può passare in questo modo nel silenzio generale. Invitiamo i Sindaci dell’area ad intervenire rumorosamente in merito; non possiamo accettare che ancora una volta prevalgano gli interessi dei potentati economici sulla salute dei cittadini raggirando qualsiasi regola democratica. Vogliamo uno sviluppo che sia sostenibile sotto tutti i punti di vista, primo tra tutti il benessere di un territorio che salvaguardi la salute e la sicurezza della cittadinanza. Dal canto nostro siamo pronti a schierarci con movimenti e società civile per intraprendere una battaglia che abbia a cuore davvero il nostro territorio.

Comunicato Stampa

Laura Cirella – Coordinatrice provinciale – Sinistra Ecologia Libertà

Andrea Di Martino – Coordinatore regionale Sinistra Ecologia Libertà

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano