Recanati-Viola 60-57

PARZIALI: 19-17/ 30-24/ 42-44

RECANATI: Gnaccarini 9, Pierini 16, Stefanini 17, Castelli 9, Tessitore 5, Maganza, Cantagalli 1, LArizza, Flamini, Tagliabue 3.  All. Coen

VIOLA:Caprari 9, Ammanato 6, Piazza 9, Rugolo 2, Fabi 7, Sabbatino 10, Germani 2, Quaglia 12, Fontecchio, ricci.

ALL.Ponticiello

ARBITRI: Borello e Mancini di Milano

Quattordicesima giornata del girone di ritorno per il campionato di Serie A Nazionale. la Viola era di scena sul parquet del Recanati, formazione a caccia di punti per alimentare il sogno di evitare i play-out. La sfida termina con la terza battuta d’arresto consecutiva per i reggini maturata nel finale di gara con la Viola che accarezza il sogno della vittoria prima di dilapidare tutto negli ultimi minuti di gara. Peccato perché, dopo tre quarti, la compagine dello stretto sembrava avere in mano l’inerzia del match ma, purtroppo, ha festeggiato recanati.  Giorni di lavoro in casa neroarancio; dopo il match post-pasquale con il Casalpusterlengo, ecco che arriva un delicato impegno esterno per una compagine che vuole mantenersi nelle zone medio-alte della classifica, mentre gli avversari non possono permettersi passi falsi, soprattutto di fronte al proprio pubblico. Viola dunque che sbarca in una piazza mai frequentata in passato con l’obiettivo di tornare a casa con due importanti punti. I reggini cercando il riscatto dopo la doppia sconfitta con Bari e Casalpusterlengo, stop maturati anche per alcune decisioni arbitrali che definire discutibili è un autentico eufemismo.  La storia della gara dice che le due squadre vogliono vincere la gara e sono nervose entrambe.

Tutto questo viene testimoniato dalle basse percentuali al tiro ma l’equilibrio regna sovrano dopo i primi dieci minuti di gioco con i padroni di casa leggermente avanti. Recanati prova a spingere nel secondo quarto affidandosi a Stefanini e Pierini, due giocatori in ottima serata che consentono ai ragazzi di coach Coen di andare negli spogliatoi sopra di sei punti. Viola più concentrata nella terza frazione; la panchina risponde bene con un ispirato Sabbatino ed un Quaglia in doppia cifra e così i reggini cominciano l’ultimo e decisivo periodo in vantaggio di due punti. La Viola ci crede e prova a staccarsi definitivamente nel punteggio ma i padroni di casa resistono e si affidano al bomber Castelli che finalmente si sveglia e fa in modo che la sua squadra rimanga in linea di galleggiamento. Le percentuali sono sempre basse nonostante i punti di Caprari, come al solito, l’uomo che si prende le maggiori responsabilità nei minuti finali. Recanati migliora in attacco ed arriva all’ultimo minuto sopra di due punti. Altro finale incandescente dunque per la compagine dello stretto dopo quelli di Bari e di Reggio Calabria contro il Casalpusterlengo. Possesso offensivo della Viola che trova il canestro del 59 pari con Ammanato; Rugolo commette fallo e Pierini segna dalla lunetta il più tre per Recanati. Ultimo attacco per la Viola con coach ponticello che chiama time-out per organizzare l’azione decisiva. Viene scelto Fabi come tiratore per impattare il match ma l’italo-argentino sbaglia e questa volta non ci sarà la coda dei supplementari con i reggini che tornano a casa con l’ennesimo stop di questo infausto mese di Aprile.  Archiviata la trasferta di Recanati, adesso la viola si riposa un giorno prima di tornare in campo. il prossimo obiettivo sarà quello di arrivare pronti al match di domenica prossimo contro Castelletto Ticino, avversaria che lotta per la terza piazza e contro la quale i reggini cercheranno un successo di prestigio contro una squadra che cercherà punti play-off contro una squadra che cerca il riscatto dopo tre sconfitte consecutive.

Recommended For You

About the Author: Giuseppe Dattola