Deserto del Negev. Nuovi percorsi per escursionisti e ciclisti intorno a Beersheva

Un ECO-PREMIO agli organizzatori del Round Beersheva Trail

Un nuovo sentiero di circa 42 km dedicato all’escursionismo a piedi e in bicicletta situato intorno alla città meridionale israeliana di Beersheva ha recentemente vinto un premio speciale nella competizione annuale ECO-Award sponsorizzata dalla Associazione Europea degli Escursionisti grazie alla Società per la Protezione della Natura in Israele (SPNI) e il suo Comitato Sentieri d’Israele. Ufficialmente conosciuto in inglese come Round Beersheva Trail (RBST), il percorso circonda la settima città più grande di Israele, che ha una popolazione di circa 195.000 abitanti ed è anche conosciuta come la “capitale del Negev”. Messo insieme e arricchito da un nucleo di sentieri precedentemente separati, il RBST porta gli escursionisti e i ciclisti in giro per l’area urbana della città, passando nei pressi di siti del patrimonio mondiale e locale, aree archeologiche e storiche e di zone religiose cristiane, musulmane ed ebraiche. Il RBST è stato progettato specificamente come una “cintura verde”, confinante sia con le parti aperte sia con quelle costruite della città; questo modello urbano-ambientale insolito è quello che ha vinto il concorso della Associazione Europea degli Escursionisti.

Percorso in cinque parti

L’idea del sentiero è venuta a un gruppo di ragazzi che stavano esplorando i dintorni di Beersheva durante uno sciopero degli insegnanti nel 2007” ha raccontato Ronit Zeevi della Società per la Protezione della Natura in Israele di Beersheva. È accaduto loro di attraversare le rovine di alcune cisterne di epoca bizantina, alla periferia della città e sono subito andati nell’ufficio della Società per la Protezione della Natura in Israele di Beersheva (SPNI) a raccontare la loro esperienza. Da quel momento in poi l’idea di un nuovo sentiero ha preso forma e successivamente atto. La SPNI ha organizzato incontri tra tutte le parti interessate, la rappresentanza della città di Beersheva, la Israel Nature and National Parks Service, il Fondo Nazionale Ebraico, l’Autorità per le Antichità e il Comitato per sentieri di Israele. Nel 2008, il percorso è stato segnato e sono cominciati i lavori.

Il percorso di circa 42 km di lunghezza è stato suddiviso in 5 parti di 5 differenti colori così da creare dei mini itinerari meno impegnativi. Il percorso è stato mappato in modo tale da poter essere collegato anche all’Israel National Trail attraverso una serie di rami più piccoli ancora non terminati. Infine, nel marzo 2012, il sindaco Ruvik Danilovic ha ufficialmente inaugurato il RBST, accettando anche la responsabilità comunale della manutenzione del sentiero. Il SPNI locale ha in programma molti tipi di attività per introdurre il RBST, tra cui visite guidate e forse una maratona, approfittando della lunghezza dell’intero percorso. Molte scuole hanno ‘adottato’ la parte del percorso dove sono collocate le cisterne d’acqua, i bambini fanno delle ricerche sul posto e lo tengono pulito, andando anche con i genitori nei giorni di festa a fare delle escursioni.

Collegamento vecchio e nuovo

La città di Beersheva è conosciuta sin dai tempi biblici. È menzionata per la prima volta nella Genesi, con il nome della regione desertica sulla punta settentrionale del Negev, dove i patriarchi Abramo e Isacco fecero la loro casa. Il suo nome può significare sia “Bene di Giuramento” o “Bene dei Sette”, con riferimento sia al giuramento di cooperazione fatto là tra Abramo e il re locale Abilmelech, sia ai sette pozzi scavati successivamente da Isacco nello stesso luogo. La città moderna è stata costruita adiacente al tumulo archeologico dove sono collocati diversistrati di resti di insediamenti che vanno dalla antica epoca israelita al periodo romano. Beersheva di oggi è una metropoli fiorente in cui trovano sede la Ben-Gurion University e il Soroka Medical Center.

israel21c.org/travel/taking-a-hike-around-beersheva/

c.s. – Ufficio Stampa – Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo

 

 

 

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano