Hinterreggio, vittoria e play out

Non basta la vittoria ottenuta sul campo del Fondi per evitare la spiacevole coda dei play out per l’Hinterreggio. La partita non ha mai avuto storia con i reggini che, nonostante i timori della vigilia, hanno giocato in modo determinato e molto concentrati. Ancora Cruz in rete con una doppietta, poi Carbonaro e Khoris, quest’ultimo giunto a quota nove nella classifica dei cannonieri. Sul match non c’è molto altro da aggiungere. D’altronde le buone notizie si aspettavano dagli altri campi, ben consapevoli che le combinazioni per arrivare alla salvezza diretta erano abbastanza complicate, così come poi ha confermato il terreno di gioco. In virtù quindi di quanto successo, il Foligno retrocede in serie D, mentre per il quarto posto da occupare, si spareggerà tra Hinterreggio e Gavorrano. Sarebbe bastato un solo punto in più, e subito la mente va a quei due confronti diretti casalinghi persi contro Lamezia e soprattutto Foligno, una vera e propria beffa. Ma tant’è ed allora massima concentrazione e tutti a lavoro già da lunedi per arrivare pronti al doppio appuntamento. Che per fortuna l’Hinterreggio avrà la possibilità di giocarlo con il vantaggio della posizione in classifica, quindi con il ritorno da disputarsi al Granillo. Si partirà il 26 maggio, il secondo confronto la settimana successiva. A fine gara abbiamo ascoltato il direttore generale Carmelo Rappoccio. “La nostra maggiore preoccupazione era quella di trovare una formazione agguerrita, nonostante la classifica, davanti ad un pubblico che li ha incitati e sostenuti fino all’ultimo istante, perdere significava retrocessione diretta. Noi ovviamente puntavano a salvarci senza i play out, anche se nelle ultime settimane, in qualche modo e dopo i passi falsi nel corso degli scontri diretti, ci eravamo preparati a questo tipo di finale. Ci siamo comunque rimasti male, soprattutto per come era stato giocato il girone di ritorno. Abbiamo fatto una rimonta incredibile, solo che poi, per una serie di circostanze, compresa la pesante squalifica di Carbonaro, ci siamo fatti risucchiare nella parte bassa della classifica. Bastava un punto tra Foligno e Lamezia per essere salvi. I risultati delle altre erano abbastanza prevedibili, non ci aspettavamo molto dalle partite di Lamezia e Martina Franca. Il Gavorrano, avversario dei play out, è una squadra giovane, ben attrezzata, non saprei dire se più abbordabile del Foligno. Dipende molto da noi, da come arriviamo, senza dimenticare che a prescindere dalle qualità, gli spareggi sono sempre un terno al lotto.

Recommended For You

About the Author: Michele Favano