Il Simbolismo della Messa - Ilmetropolitano.it

Il Simbolismo della Messa

IL SIMBOLISMO DELLA MESSA15\\\\2013 – Quanto siamo consapevoli – partecipando alla Santa Messa – degli “alti valori simbolici impliciti nei singoli momenti del rito”? A tal fine è utile leggere “Il simbolismo della Messa” di Carl Gustav Jung (pp. 168 € 15,00 traduzione di Elena Schanzer e prefazione di Luigi Aurigemma) Bollati Boringhieri www.bollatiboringhieri.it. Un libro che non basta leggere: è necessario rileggerlo e rileggerlo. Meditarlo e gustarlo intimamente: parola dopo parola. Jung esamina i vari passaggi. Il mescolare l’acqua, l’umana materialità, al vino. L’Elevazione del Calice: un librarsi nell’aria. Infine, la Consecratio dove ha luogo la transustanziazione: il pane e il vino diventano corpo e sangue di Cristo. In quel momento Cristo è presente: non perché appare ma è come se si aprisse un varco su ciò che è al di là del tempo e dello spazio. Tra l’altro, è la Sua presenza e non l’azione del Sacerdote a dare senso e valore. Jung prosegue poi individuando similitudini con altre esperienze. Come il rito azteco del teoqualo: mangiare il dio. Nel mithraismo dal sacrificio di un toro dipende la fertilità dell’annata. Zosimo di Panopoli, alchimista del terzo secolo, nelle sue visioni un sacerdote si dilania con i propri denti. Il libro consente una maggiore comprensione del rito della Messa, fornendo utili spunti di riflessione.

Tonino Nocera

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano