Perché gli assassini di Francesco dopo quattro anni non hanno ancora un volto ed un nome?

ALL’ECC.MO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

ALL’ECC.MO PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA

ALL’ECC.MO MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

AL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA

ALL’ECC.MO PROCURATORE NAZIONALE ANTIMAFIA

ALL’’ECC.MO PROCURATORE GENERALE DI REGGIO CALABRIA

ALL’ECC.MO PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI REGGIO CALABRIAfmi

La Fondazione Francesco Maria Inzitari nasce il 13 ottobre 2010, data in cui Francesco avrebbe dovuto compiere 19 anni. Francesco era un giovane, e come ogni ragazzo della sua età amava divertirsi, essere spensierato, uscire con gli amici.

 Amava fare quelle cose che ogni ragazzo ha il diritto di fare. Francesco si stava affacciando alla vita, quella vera. Ma lui non ha avuto questo privilegio perché in una fredda e gelida serata d’inverno, il 5 dicembre 2009, è stato barbaramente ucciso dalla ‘ndrangheta a Taurianova.

Da quel terribile ed indimenticabile giorno sono passati ormai ben 4 anni e nostro malgrado dopo tutto questo tempo i suoi carnefici non hanno un nome né un volto e, pertanto, questo orrendo crimine ad oggi non ha avuto Giustizia. La Fondazione si chiede come possa essere possibile tutto questo? Anche in Calabria, come nel resto del nostro Paese, la morte di un ragazzo di appena 18 anni avrebbe dovuto imporre agli inquirenti ed alle forze dell’ordine un impiego di forze e strumenti necessari per scoprire i colpevoli e dare una risposta ad una famiglia e all’intera comunità. Ciò non è stato fatto ed il caso di questo orrendo crimine rimane insoluto, senza colpevoli. Riteniamo che questa lettera doveva, già, essere pubblicata in passato, ma abbiamo atteso perché fiduciosi dell’operato della Giustizia. Abbiamo pensato che Essa stesse facendo il suo corso e aspettavamo il giorno in cui fosse stata fatta luce su questa vicenda. Ma è arrivato il momento di urlare a tutti la nostra rabbia. Una rabbia carica delle aspettative, della forza, dell’amore, della gioia, che contraddistingue un qualunque ragazzo di 18 anni. E Francesco Maria Inzitari è proprio un qualunque ragazzo, forse figlio di una terra disgraziata e piena di dolore, di una Calabria troppo distratta per potersene prendere cura. Non si tratta di un omicidio da far passare nell’ombra, ma di un ragazzo di 18 anni, lontano da ambienti criminali. Di una vita spezzata. E’ necessario dare una risposta per i ragazzi che ogni anno decidono di partecipare, attraverso progetti ed attività, alle borse di studio che la Fondazione elargisce, per i giovani che credono nella Giustizia, come unico sentiero sul quale costruire il proprio futuro, e che sperano che la Calabria possa scrollarsi di dosso la nomea di “terra di ‘ndrangheta”, per tutti coloro che hanno amato e conosciuto Francesco.

 E soprattutto per Lui, che aveva tanta gioia di vivere e amava la sua terra. La Fondazione continuerà a fare memoria per “… dare testimonianza dell’intelligenza riflessiva e fortemente morale che ha distinto i pochi anni vissuti da Francesco, indicando il percorso ideale di forte impegno intellettuale e sociale, che egli avrebbe voluto seguire nella sua vita”, come stabilito dall’art. 1 del nostro Statuto. Chiediamo, a questo punto, al Presidente della Repubblica, al Presidente della Commissione Antimafia, al Ministro della Giustizia, al Procuratore Nazionale Antimafia, al Procuratore Generale di Reggio Calabria ed al Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria di adoperarsi, ognuno in relazione ai propri poteri, al fine di assicurare alla Giustizia i responsabili dell’omicidio di Francesco Maria Inzitari affinché la comunità calabra non debba pensare che ancora una volta la ‘ndrangheta ha avuto la meglio su uno Stato che riesce ad essere spietato solo con alcuni mentre con altri è assolutamente impotente.  

RICEVIAMO EPUBBLICHIAMO

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano