L'arte di abbinare - Ilmetropolitano.it

L’arte di abbinare

di Sonia Polimeni – Un’abilità fondamentale per vestirsi con eleganza, è saper abbinare: bisogna saper accostare i colori e le tonalità tra di loro, facendo attenzione anche a valorizzare i colori della nostra carnagione, di occhi e capelli. Il segreto, è non trascurare mai i dettagli, quindi anche gli accessori, che di solito vengono scelti al volo, hanno un ruolo fondamentale. Al momento di decidere un vestito nuovo, abbiamo quasi sempre qualche perplessità, la linea, il tessuto, il colore, i particolari, tutto o quasi viene scelto dalle donne con grande cura. Molto spesso scegliamo il colore ancor prima dell’abito. Il colore infatti, “distingue”, fa tendenza e quando è scelto e abbinato sapientemente diventa gusto e armonia. Ma siamo proprio sicure di saperli accostare? Un colore dona se armonizza prima di tutto i colori naturali della persona. Gli occhi, i capelli, la carnagione sono importanti perchè ricevono dei riflessi diversi a seconda della tinta che gli si accosta. Spesso infatti un colore che ci appare magari fresco e nuovo, spesso non ci sta bene, non dona al nostro viso.

Ecco per voi alcuni consigli che potrebbero esservi utili per valorizzare il vostro look: chi ha la fortuna di avere una carnagione chiara e rosata ha a disposizione una vasta gamma di colori; potrà scegliere infatti tra le tinte delicate, i toni pastello, ma anche tra quelli più scuri o accesi. Molto dipende però dai tratti e dai colori del viso: una bionda con questa carnagione e lineamenti regolari deve evitare le tinte troppo pallide o neutre, puntando invece sui colori intensi; al contrario una bruna con pelle chiara, ma con lineamenti decisi come bocca carnosa, naso pronunciato, occhi grandi e sopracciglia scure, deve dare la preferenza alle tinte più discrete e pallide, che attenuano questi lineamenti vistosi; per chi ha la carnagione scura o olivastra, le tinte a disposizione sono più limitate. Punteranno dunque, su colori brillanti e luminosi: il bianco, il rosa tenue, il verde acqua, il giallo miele, il rosso sono particolarmente indicati. Se il nero e il blu, quasi certamente, le abbatte, si può ovviare senza rinunciarvi con qualche nota chiara vicino al viso come un colletto, una sciarpa, una collana o un fiore.

I colori che gli stilisti utilizzano per le proprie collezioni sono vari e cambiano di stagione in stagione, ma quelli intramontabili sono, ad esempio, il rosso, che si può considerare un classico, specialmente in certe sue sfumature che non tendono troppo al viola, lo stilista Valentino lo ha compreso meglio di chiunque altro; il verde, scuro e brillante, che è un altro colore base nella moda; ed infine da alcuni anni anche il marrone, sempre considerato un colore poco giovanile e “difficile”, è tornato alla ribalta. Ogni anno le passerelle puntano sulla tinta unita, immancabile nel mondo della moda, piuttosto che sulle fantasie. Una volta imparato l’accostamento dei colori su noi stesse, bisogna imparare ad accordarli fra loro. Di solito il nostro guardaroba contiene più di un colore, ma non è difficile capire quando due colori insieme “fanno a pugni”. Il suggerimento di base, è anzitutto quello di non accostare mai lo stesso colore in due toni diversi, si può ovviare abbinando invece due sfumature di una stessa tonalità. Per capirci: un rosso ciclamino stona notevolmente vicino a un rosso lacca, così un verde muschio con un verde petrolio, il giallo limone col giallo banana ecc… Gli abbinamenti più sicuri rimangono quelli classici: il nero con il rosso e il bianco, il marrone col beige e il verde. Badiamo invece alla quantità di colori che indossiamo. Anche se alcuni colori si abbinano fra loro, sta di certo male un mix di troppi colori. Tre, sono già sufficienti per avere un aspetto vivace, ma anche due sole tinte sono in grado di dare un risultato tutt’altro che spento.

La monotonia emerge di regola quando si punta invece sul monocolore, anche se di certo non “stona”: tutto nero, tutto rosso, tutto grigio. Nell’abbinamento sono fondamentali gli accessori, in particolar modo gli occhiali, che siano da vista o da sole poco importa, ciò che conta è saper scegliere quello più adatto al proprio viso senza mai abbandonare lo stile. Quadrati, rigorosi o dai profili più morbidi donano a visi sottili e affilati. Con gli angoli leggermente all’insù stanno bene anche a chi ha un volto più rotondo. Per chi vuole far trasparire un fascino intellettuale e da artista, non può non scegliere occhiali piccoli e rotondi. Per velare lo sguardo con malizia, tornano le lenti fumè, direttamente dagli anni Settanta come quelle di Ray-Ban, che quest’anno propone anche lenti specchiate dai colori sgargianti, quasi a celare lo sguardo. Quindi anche per gli occhiali occhio al particolare. Che si tratti di cristalli-lacrima, rose decor e bandane in seta, quello che conta è stupire con un dettaglio choc; gli occhiali, quindi, sono un elemento non trascurabile, infatti calamitano l’attenzione. L’ideale? Abbinarli alla borsa o alle scarpe. Insomma abbinare è davvero un’arte ed il saperlo fare non è di tutti ed è  molto facile sbagliare, quindi se si corre questo rischio, non resta che affidarsi ai consigli degli esperti.

banner

Recommended For You

About the Author: Sonia Polimeni