Presentato a Sydney il nuovo video clip di Antonio Grosso e Le Muse

 Dedicato a tutti gli emigranti. Prosegue senza sosta il Tour Australiano tra concerti e successi.  Pronta la tappa di Melbourne

antoniogrossoelemuseaustralia3E’ iniziato da qualche giorno, ma sta riscuotendo già un grande successo il tour internazionale in Australia (Sydney – Melbourne – Adelaide – Perth), di Antonio Grosso e le Muse del Mediterraneo. Una traversata dall’altra parte del mondo, qui sotto i nostri piedi, li sentiamo vibrare con la loro musica travolgente e appassionata di terra di Calabria. Una tournée voluta dalle associazioni dei “Deliesi nel mondo” e dal produttore Giuseppe Marasco. Ci emoziona vederli insieme ai nostri corregionali trapiantati in Australia. Un tour ricco di entusiasmo per il giovane gruppo ormai consolidatosi negli anni per l’insolita formazione al femminile. Primo concerto è stato eseguito a Sidney al Club Marconi, circa 600 persone hanno ballato e cantato al ritmo popolare delle Muse, alle prove tanti curiosi hanno assistito e per un po’ si sono sentiti ancora nel bar sotto casa del loro paese in Calabria, a bere una birra ascoltando, stavolta dal vivo, una sana e coinvolgente tarantella! In occasione del primo concerto è stato presentato in anteprima internazionale il nuovo video clip della famosa cover di Rino Gaetano “E cantava le canzoni”in omaggio ai tanti emigranti in giro per il mondo dall’Australia al Canada, dagli Stati Uniti alla Germania… un fiume di connazionali e calabresi partiti dalla loro terra in cerca di fortuna ma con il cuore pieno di ricordi e attaccamento alle proprie origini. Nel video ci sono varie citazioni dei territori meta di emigrazione sulle note di una canzone che in modo particolare gli italiani adorano e ricordano. “E cantava le canzoni” è infatti il brano di Rino Gaetano (artista scomparso prematuramente e di origini crotonesi) pubblicato nel 1978 (quando nessun componente del gruppo era nato) che racconta “l’emigrante” e lo stesso autore, uno sguardo al Sud come ritorno alle radici, ai ricordi, agli affetti. L’emigrante, il produttore e il mercenario che hanno in comune il fatto di lasciare il sud e che per sentirne meno lalontananza si affidano alle canzoni, ai ritmi e al ricordo del mare. L’obiettivo era ricordare un grande artista ma partendo dalle basi della musicalità del gruppo di Antonio Grosso, elaborando il ritmo e rendendolo un elemento pulsante del brano.  Un’alchimia tra suoni e immagini che fa trovare in questo brano dopo 30 anni le chiare essenze della musica etnopop che pesca nella tradizione calabrese, la finezza interpretativa di un gruppo di ragazze giovani e il calore di un sud tra musica e passione (il video è online suantoniogrossoelemuseaustralia2 youtube e sul sito ufficiale www.antoniogrossoelemuse.com). Domenica 16 all’ombra dell’Opera House di Sidney, nel cuore della città sulla baiaentrato a far parte dei Patrimoni dell’Umanità sotto l’egida dell’UNESCO, al celebre caffè Rossini,locale italiano storico della città, un unplugged di 60 minuti ha attirato una gran folla di australiani e turisti, che nella via più passeggiata della città hanno bloccato il traffico cittadino danzando musedoc! Il tour va vanti, e grazie alla grande disponibilità e accoglienza di tutte le famiglie di calabresi, prosegue per Melbourne questa bella avventura. Il concerto è previsto per sabato 22 presso il Calabria Club, e già sono tanti i segnali che ne preannunciano il successo.In città i ragazzi hanno inoltre avuto l’occasione di incontrare gli allievi della Melbourne School of Tarantella con un piccolo stage nella loro scuola, è stato bello trovare non solo persone di origini italiane ma anche e soprattutto australiani doc.  “I ragazzi viaggiano senza sosta nella grande Australia, e quando mi vedono con il mio organetto che porto sempre dietro – ci dice il maestro Antonio Grosso – anche un piccolo spostamento in aereo o macchina, di famiglia in famiglia da una via all’altra si trasforma il un piccolo concerto con variazioni sul tema e compiacimento dei frugali e inaspettati spettatori”. Le prossime tappe Adelaide e Perth… amici d’Australia le muse sono arrivate, seguite il loro diario su www.facebook.com/antoniogrossoelemuse

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano