Platania (Cz): La Comunità in pellegrinaggio al Santuario di Pompei

Il Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di Pompei, conosciuto in tutto il mondo e divenuto segno di profonda pietà e fede, e le Grotte dell’Angelo di Pertosa saranno visitati dalla Comunità di Platania. Il pellegrinaggio, organizzato dalla parrocchia San Michele Arcangelo in sinergia con il Circolo bocciofilo di Platania, per venerdì 25 aprile , susciterà nei fedeli momenti di intense emozioni e di profonde meditazioni e preghiere. La partenza, programmata alle prime luci dell’alba a bordo di pullman granturismo, sarà supportata dalla presenza del parroco di Platania don Pino Latelli e dalla responsabile dell’ufficio parrocchiale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport Maddalena Cimino. «Questa nuova esperienza ecclesiale, che cade immediatamente dopo la celebrazione della Pasqua, – afferma il parroco don Pino Latelli – consentirà ai pellegrini di affidare le loro attese, speranze, piccole e grandi sofferenze alla Vergine del Rosario. Mi auguro – conclude il sacerdote – che i numerosi platanesi possano trarre da questa esperienza nuovo vigore per rafforzare la fede e la speranza rivolgendosi umilmente alla Regina del cielo e della terra e Madre amorosa foriera di luce, consolazione e tenerezza».Santuario Pompei I numerosi partecipanti saranno accolti al loro arrivo a Pompei dall’arcivescovo monsignor Tommaso Caputo e dai responsabili della “Missione del Rosario”. Subito dopo sarà messo in atto il programma redatto che prevede, oltre alla celebrazione della Santa Messa, presieduta dal vescovo di Aversa Angelo Spinello, vari momenti di intensi incontri comunitari, quali la via Crucis, il Santo Rosario e la preghiera davanti al Dipinto della Madonna, la celebrazione del Sacramento della Riconciliazione. Conclusa la visita al Santuario, i platanesi raggiungeranno le celebri Grotte dell’Angelo di Pertosa, che «con la loro naturale bellezza certamente – secondo Maddalena Cimino – incanteranno i visitatori».

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano