ELEZIONI EUROPEE: REGGIO E PARTITO DEMOCRATICO

Tra i candidati del Partito Democratico alle elezioni europee del 25 maggio non c’è un reggino. Si era parlato di una candidatura di Massimo Canale, ma poi non si è fatto nulla.pd_calabria Strano! Elezioni importanti; un partito che aspira ad essere il primo partito; Reggio, la più grande città della Calabria e una delle più grandi del Mezzogiorno: nessun candidato. Ma forse non c’è nulla di strano è solo la spia di un malessere. Il rapporto difficile tra Reggio e il Partito Democratico, capace di elaborare complicati e articolati regolamenti ma incapace di stare tra i reggini e con i reggini. Qualcuno nei giorni scorsi ha dichiarato che i mille partecipanti al comizio di Scopelliti a Piazza Duomo erano pochi. Un’indicazione chiara che la stella di Scopelliti volge ormai al termine. Ma se fosse così: che dire dell’incontro elettorale di Pino Arlacchi organizzato in una libreria cittadina? Una stella che non è mai sorta? Arlacchi che definisce l’allarme terrorismo una gigantesca manipolazione: Renzi lo ha detto a Obama? Perciò, votandosi con le preferenze: cosa faranno i reggini? Cercheranno qualcuno conosciuto e a loro vicino. Ci sarà quindi poco o pochissimo spazio per gli illustri sconosciuti calati dall’alto. Proprio contro la candidatura Scopelliti il Partito Democratico doveva schierare un reggino dal forte carisma e con un vasto seguito elettorale. Perché non è stato fatto?

Abate Busoni

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano