Lupi (Trasporti): allo studio politiche di incentivazione per il rinnovo del parco auto circolante

È un problema abbastanza vecchio, come d’altra parte vecchi sono i principali problemi del nostro Paese. Ma, come ha precisato il Ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, non è più possibile attendere perché il parco auto circolante italiano, essendo il più vetusto d’Europa, pone inevitabili problemi “di sicurezza, di impatto ambientale e di qualità della vita”. Proprio sulla base di questa considerazione il Governo, tramite il ministro in quota NCD, ha annunciato che è in atto lo studio di “politiche di incentivazione per il rinnovo del parco auto circolante”. Sarà l’ennesimo proclama del Governo a guida Matteo Renzi? Se cosi fosse di certo ormai non stupirebbe più nessuno. Lupi ha, tuttavia, precisato che si tratta di strumenti diversi dagli incentivi classici, e che si cercherà di seguire un sistema di defiscalizzazione per le auto private, sul modello delle ristrutturazioni edilizie. Ricordando come la defiscalizzazione sulle case sia valsa due punti di PIL, il Ministro dei Trasporti ha affermato che << le norme che più stanno funzionando nel nostro Paese sono quelle legate alla defiscalizzazione, che non sono un incentivo classico, un contributo a fondo perduto, ma sono la modalità con cui si utilizza la leva fiscale per incentivare il cittadino a raggiungere un obiettivo che lo Stato gli pone >>. Al vaglio anche lo studio di nuovi strumenti per il rinnovo del parco mezzi pubblici ormai datato. Un annuncio che desta, quindi, una certa attenzione, considerando che già Federauto, la federazione italiana che rappresenta i concessionari di auto, cercando di spingere sull’acceleratore, aveva presentato all’ex ministro dello Sviluppo economico del Governo Letta, Flavio Zanonato, un pacchetto di proposte, indirizzate a privati e aziende, che, ponendosi l’obiettivo di arrestare la crisi dell’industria automobilistica, erano indirizzate all’attuazione di politiche di defiscalizzazione per le auto.

Recommended For You

About the Author: Luigi Iacopino