Rientro capitali: via libera al Senato, è legge. Renzi: "è la volta buona" - Ilmetropolitano.it

Rientro capitali: via libera al Senato, è legge. Renzi: “è la volta buona”

RICICLAGGIO05\12\2014 – Al Senato arriva l’ok anche per il rientro dei capitali. La proposta di legge ha ottenuto 119 voti a favore e 61 contrari.12 sono stati gli astenuti. Il Presidente del Consiglio, anche in questa circostanza, attraverso twitter, ha espresso la propria soddisfazione, parlando di “volta buona”. A spiegare la portata di quanto verificatosi nella giornata di ieri ci ha pensato il Ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che si è subito affrettato a chiarire, anche lui attraverso twitter che, in questo caso, non si tratta di un condono, in quanto “chi aderisce paga tutto (si consideri, inoltre, che l’autodenuncia non sarà anonima).

capitalirenziSta di fatto, quindi, che la cosiddetta “voluntary disclosure” (ovvero la dichiarazione o collaborazione volontaria) è legge. E con questa, è stato, pertanto, introdotto il reato di autoriciclaggio, secondo il quale è prevista la reclusione da due a otto anni e una multa da 5 mila a 25 mila euro. Le sanzioni, invece, si abbassano da uno a quattro anni e da 2.500 a 12.500 euro nel caso in cui i beni dovessero derivare da un reato punito con una reclusione inferiore nel massimo a 5 anni Chi aderirà, pertanto, a fronte di una riduzione delle sanzioni amministrative e penali, sarà tenuto a pagare per intero l’imposta dovuta. Secondo quanto si apprende dal Ministero dell’Economia, il provvedimento approvato è considerato equilibrato ed innovativo e punta a spingere – si potrebbe aggiungere – tutti coloro che intendono mettersi in regola a seguire la strada indicata, utilizzando questa opportunità.

capitalipadoanVa aggiunto che, ai fini della regolarizzazione dei capitali, la “voluntary disclosure” è ammissibile soltanto con riferimento alle somme non dichiarate al fisco fino al 30 settembre 2014 e la richiesta di attivazione della procedura di regolarizzazione soltanto fino al 30 settembre 2015. Un altro aspetto rilevante, sottolineato peraltro dallo stesso Padoan, riguarda il beneficio a favore dei conti pubblici, in un momento particolare per l’economia del nostro Paese. Se da un lato, infatti, la corruzione grava come un macigno sulle finanze nazionali, dall’altro, il valore delle attività criminali si attesterebbe attorno al 12% del Pil, pari a circa 190 miliardi.

Recommended For You

About the Author: Luigi Iacopino