Toti perplesso su destra lepenista Salvini: “FI guardi alla sostanza”

lega forza italiaContinua il botta e risposta tra la Lega Nord e Forza Italia. I protagonisti di questa nuova puntata della telenovela tutta italiana del centrodestra ha come protagonisti, da un lato, il leader del Carroccio Mattero Salvini, e dall’altro, Renato Brunetta e Giovanni Toti. La manifestazione del segretario del movimento federalista a Piazza del Popolo a Roma non ha fatto altro che acutizzare gli animi e sottolineare le differenze. All’orizzonte non sembra palesarsi nessun punto serio di incontro, sebbene la situazione rischia di aggravarsi in vista delle imminenti elezioni regionali che – ove non si riuscisse a trovare un’intesa – potrebbero condizionare anche la tenuta della Lombardia. Questo, infatti, è quello che ha lasciato intendere Giovanni Toti, il consigliere politico dell’ex cavaliere, che, intervistato dal Corriere, si è spinto sino ad affermare che “dalla manifestazione di Salvini non ho sentito nessuna ricetta di governo plausibile. Nessuna”. Il rischio, secondo il parlamentare forzista è che Salvini si metta a “copiare Grillo”, condannandosi inevitabilmente “alla stessa irrilevanza politica del M5S”.

Il punto di Toti

Giovanni_Toti_2“Il problema, in questo momento, è che ci sono due Leghe – continua Toti nell’intervista – Una Lega del Dottor Jekyll, quella degli Zaia e dei Maroni, che governa benissimo in Veneto e in Lombardia, e una Lega di Mister Hyde”.E Mister Hyde è ovviamente Matteo Salvini”. Toti boccia l’idea di un “destra lepenista” che non avrebbe alcuna possibilità di rappresentare un’alternativa a Matteo Renzi. Il rischio, quindi, è che il numero uno della Lega, “pur attaccando Renzi, Salvini si trasforma nel suo miglior alleato”. Insomma, la strada proposta è ancora quella di una coalizione di centrodestra.

Brunetta e la deriva autoritaria Pd

Brunetta a Renzi, Italicum entro Pasqua o salta pattoGli fa eco Brunetta che arriva persino a proporre la costituzione “Comitato di liberazione nazionale”. Nulla a che vedere, chiarisce il Capogruppo alla Camera di FI, con quanto successo in Italia tra il 1943 e il 1945, perché “non abbiamo contro il nazifascismo, ma una deriva autoritaria senz’altro”. L’obiettivo dovrebbe essere quello di abbattere “il sistema che si va configurando per il combinato disposto di legge elettorale e riforma costituzionale”.

Salvini: “mi spiace che qualcuno in Forza Italia si agiti senza senso”

salviniIl leader della Lega e numero uno della lista “Noi con Salvini”, tuttavia, non si scompone più di tanto e a chi, come Toti, lo accusa di non aver enunciato nessuna ricetta di governo plausibile, risponde che se a Forza Italia interessano i contenuti espressi in occasione della manifestazione di Roma (tasse, Europa, immigrazione, famiglia) “sono contento perché interessano alla maggioranza degli italiani, se Forza Italia guarda alla forma e non alla sostanza peggio per lei”. Questa la replica dell’eurodeputato lombardo, intervistato da affaritaliani. Chiarisce che molto probabilmente si incontrerà a breve con Berlusconi, ma puntualizza che “da martedì cominciamo in Parlamento la battaglia sulla Legge Fornero. Stiamo lavorando ai nostri progetti, mi spiace che qualcuno in Forza Italia si agiti senza senso”.

Recommended For You

About the Author: Luigi Iacopino