Alimenti sotto osservazione: nessun rischio per la salute

Alimenti

Dalla relazione 2013 dell’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, sui residui di pesticidi negli alimenti, è emerso che più del 97% di questi alimenti contiene livelli di residui di pesticidi che rientrano nei limiti di legge, e solo poco meno del 55% dei campioni analizzati è risultato privo di tracce rilevabili di tali sostanze chimiche. La relazione include i risultati per quasi 81.000 campioni di alimenti provenienti da 27 Stati membri dell’Unione europea, Islanda e Norvegia. All’interno del programma di monitoraggio di coordinamento europeo, tra i campioni di cibo che sono stati analizzati dall’Efsa: 8270 provenivano da Paesi terzi, in conseguenza ai controlli più stretti avviati sugli alimenti importati in Ue dopo le disposizioni del Regolamento comunitario 669/2009; e 11.582 provenivano dall’area della Comunità, presi da dodici prodotti alimentari e mirando la ricerca di 209 distinti pesticidi. Dai controlli è emerso che i residui eccedenti i livelli massimi consentiti si riscontra nei prodotti importati da Paesi extra Ue, il 5,7% per i prodotti importati contro l’1,4% dei prodotti Ue. Tra i campioni di cibo che sono stati controllati, i limiti fuorilegge di pesticidi sono stati trovati soprattutto nelle fragole, con il 2,5% dei campioni, nella lattuga con il 2,3%, nell’avena con il 1,3%, nelle pesche con l’1,1%, e nelle mele con l’1,0%. I controlli sono stati estesi anche agli alimenti per l’infanzia, e su 1597 campioni esaminati nel 92,7% dei casi non sono stati riscontrati residui, mentre nel restante 7,3% si sono stati trovati residui contenuti comunque nei limiti di legge. I risultati generali dei controlli fanno si che l’Efsa concluda che la presenza dei residui di pesticidi riscontrata nei prodotti alimentari sotto osservazione non pone probabili rischi sulla salute.

Recommended For You

About the Author: Katia Germanò