Prevenzione tumori: protocollo d’intesa tra centroscreening e Avis regionale

protocollo d'intesa C.Screening_e_AVIS(ASP) – Catanzaro, 2 maggio 2015 – Alla presenza della responsabile del Centro screening oncologici dell’ASP di Catanzaro, dr.ssa Maria Paola Montesi e del Presidente dell’AVIS Regionale Calabria, Rocco Chiriano, si è svolto l’incontro operativo per la programmazione delle attività previste per la prevenzione del tumore del colon retto durante il quale si è pervenuti ad un accordo, siglato nella sedere regionale dell’AVIS a Germaneto.  Erano presenti alla riunione anche il Segretario Avis Provinciale di Catanzaro, Franco Pietro Parrottino,  il Segretario dell’Avis comunale di  Girifalco, Giuseppe Scalone, il Presidente di Avis Sorbo S. Basile, Antonio Frustaci e la Coordinatrice dell’Ambulatorio di prevenzione Avis Presila “Samantha Canino”, Daniela Giglio.
Nello specifico l’AVIS si impegna a titolo gratuito ad ospitare l’attività di prevenzione oncologica dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro presso le proprie strutture, dislocate capillarmente sul territorio provinciale, collaborando a stretto contatto con il Centro screening oncologici dell’ASP di Catanzaro attraverso degli step mirati che vanno dalla sensibilizzazione alla distribuzione di kit specifici alla consegna al Centro Screening dei campioni raccolti etc. La  fase di startup della convenzione partirà dai comuni di Girifalco, Cortale, Caraffa, San Floro, Fossato Serralta, Sorbo San Basile , Taverna, Albi e Magisano, per poi estendersi gradualmente a tutta la provincia di Catanzaro e a tutta la Calabria. Molto importante l’indispensabile impegno e l’attenzione della Dr.ssa Montesi,  che coordina l’attività del Centro screening dell’ASP di Catanzaro, la quale ha ribadito che, secondo le direttive del Ministero della Salute, le Aziende Sanitarie devono offrire a uomini e donne dai 50 ai 69 anni la prevenzione del tumore al colon retto. Grande soddisfazione, infine, da parte di Chiriano e Parrottino, massimi dirigenti AVIS. “La Convenzione ha ad oggetto – commenta Chiriano –  il supporto da parte delle sedi AVIS della Calabria del programma di prevenzione del tumore del colon retto. Avis Calabria,  per perseguire uno dei suoi scopi, ovvero la  tutela della salute del donatore, ha accolto con la massima apertura e disponibilità la richiesta di collaborazione della Dr.ssa Montesi.”  Un ottimo esempio di come istituzioni pubbliche, come l’ASP di Catanzaro e nello specifico il Centro Screening Oncologici, ed Associazioni di Volontariato ben radicate sul territorio e con una forte mission, come AVIS, possano contribuire in maniera più incisiva ed organica a tutelare la salute di tutti i cittadini.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano