Secondo i Servizi Segreti ci sono 400 lupi solitari jihadisti in Italia

jihadistiL’intellicenge italiana ha individuato circa 400 self starters (lupi solitari) e cioè singoli individui o micro gruppi sparsi per il territorio nazionale che simpatizzano verso gli ideali della Jihad. Le nostre forze dell’ordine li tengono d’occhio tramite il web e le telecomunicazioni, in quanto questi, per arruolare nuovi adepti, raccontano le loro vicende nella speranza di appassionare coloro i quali voglio passare dalla fase di informazione a quella d’azione. Gli attenzionati in maniera particolare sono 85 dei quali i nostri investigatori sanno tutto o quasi, occorre però tenere sotto controllo i centri di preghiera perché è in quei luoghi che si coltivano anche strani interessi. Sono più di 12  gli indagati. Dieci a Roma in un’inchiesta sul terrorismo e associazione sovversiva relativa all’attività dei jihadisti. Sorvegliati anche alcuni soggetti che vivono in Veneto, nella zona di Treviso in particolare, persone che pare siano state in contatto con imam, partiti e tornati dalla Siria. Sempre frequenti nella “reclame” dei jihadisti sono i richiami alla conquista di Roma. La Capitale italiana è l’obiettivo  simbolico più importante per i terroristi islamici. Come già era stato diffuso dai servizi segreti l’Italia è una sorta di hub, o meglio un centro di transito e smistamento di foreign fighters, i quali  passano nel nostro Paese per andare o tornare dalle zone di guerra siriane.

 

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager