Aumento di furti in negozi e botteghe artigiane del 165,5% negli ultimi 10 anni

furtiL’Ufficio studi della Cgia, che ha elaborato i dati del Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Istat, ha reso noto che, secondo le ultime statistiche disponibili, negli ultimi 10 anni i furti nei negozi e nelle botteghe artigiane sono aumentati del 165,5%. Solo nel 2013 le denunce hanno superato le 104.000 unità, in media 286 reati di questo tipo al giorno, praticamente uno ogni 5 minuti. L’escalation negli anni è stata la seguente: nel 2004 il numero di furti presso le attività commerciali e/o artigianali è stato di poco superiore a 39.300, nel 2007 ha raggiunto il massimo di questo ultimo decennio con 107.500. Nel biennio 2008-2009, invece, il numero di denunce ha subito una leggera caduta, anche se dal 2010 questo reato ha ripreso ad aumentare fermandosi, nel 2013, a 104.393. Le regioni più più colpite sono state quelle del Centro-Nord mentre al Sud, nonostante i furti siano in crescita, il fenomeno si presenta in maniera meno preoccupante. Infatti, nel 2013, in Puglia si sono verificati 95,1 furti ogni 100 mila abitanti, in Sicilia se 88,3, in Campania 80,8 e in Calabria 68,9. Dati bassi rispetto alla Lombardia con 235,9 ogni 100 mila abitanti, dalla Toscana con 238,2, dalla Liguria con 263,6 e, in particolar modo, dall’Emilia Romagna con 268 furti ogni 100 mila abitanti.

Recommended For You

About the Author: Katia Germanò