Agenzia dei Beni confiscati, Maiolino: “Assurdo pensare di spostare la sede a Roma, ci opporremo con tutte le forze”

Antonino MaiolinoReggio Calabria. Il capogruppo di Reggio Futura, Antonino Maiolino, presenta una mozione, firmata anche da tutti i consiglieri comunali di centrodestra, per rafforzare e rilanciare l’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni confiscati e sequestrati alla criminalità organizzata con sede a Reggio Calabria. “Spostare la sede principale dell’Agenzia nazionale dei beni confiscati da Reggio a Roma – afferma Maiolino – rappresenta l’ennesima beffa del Governo di centrosinistra alla nostra città. Ho presentato una mozione, firmata dai colleghi del centrodestra, per dichiarare pubblicamente che noi ci opporremo con tutte le forze per far si che la sede rimanga a Reggio Calabria. Chiediamo al sindaco – prosegue Maiolino – e a tutta la Giunta di intraprendere ogni azione idonea volta a rilanciare la sede dell’ANBSC ed evitare quindi qualsiasi tentativo di delegittimazione o declassamento della sede principale. I cittadini hanno diritto di vedere restituito alla collettività il patrimonio della criminalità organizzata che viene sequestrato, così come le associazioni di volontariato meritevoli hanno il diritto di utilizzare quei beni per le proprie attività sociali. La sede a Reggio Calabria – conclude Maiolino – serve proprio a dare un messaggio simbolico e allo stesso tempo concreto di una città che premia la legalità, che pratica i valori liberali della nostra democrazia e che fa della giustizia il suo pilastro, rappresenta la prova tangibile della presenza dello Stato, non possiamo privare la città di un luogo così importante.” La sede dell’ANBSC venne inaugurata nel 2010 dal Governo Berlusconi, nell’ambito del piano straordinario contro le mafie, nel marzo dello stesso anno l’allora sindaco Scopelliti in pochissimo tempo, mise a disposizione, in comodato d’uso gratuito, uno stabile di proprietà comunale sito in Viale Amendola is. 66 nr. 2, di circa 500 mq, da adibire a sede principale dell’ANBSC, completamente ristrutturato. Oggi con la riforma del sistema dei beni confiscati, l’intento del Governo Renzi è quello di spostare la sede principale a Roma, una decisione che il centrodestra reggino contesta, invitando il sindaco a fare in modo che i suoi colleghi di partito del Governo non diano l’ennesima mortificazione alla città.

Il Capogruppo di Reggio Futura

Cons. Antonino Maiolino

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano