Immigrati clandestini (migranti), le cifre dell’accoglienza

salvataggio migranti01\11\2016 – L’Italia ospita già ad oggi 133.727 migranti o immigrati clandestini (quelli censiti) in realtà sono entrati sul territorio nazionale in molti di più, realisticamente forse il doppio. Facendo i conti però sui dati certi, la cui cifra è quella su riportata diffusa dal Viminale, riporta  3,3 miliardi di euro solo quest’anno al quale manca ancora qualche mese. La cifra della spesa pubblica per gestire il fenomeno dell’immigrazione clandestina incontrollata è destinato ad aumentare in maniera drastica così come dimostra già la sproporzione dei soldi spesi tra l’anno 2015 (918 milioni) e questo ancora in corso in cui c’è voluto il 60% delle risorse economiche in più. Ormai si chiamano tutti migranti o meglio ci hanno “imposto” che vengano chiamati così, anzi hanno creato il termine migranti economici. In realtà gli unici che devono avere l’accoglienza per legge e trattati internazionali sono i profughi, che hanno un diverso status e anche una diversa provenienza geografica. Nel nostro Paese non è ben chiaro ancora quanto costa un migrante  (immigrato clandestino) la cifra fornita dal ministero competente è di  35 euro al giorno per un adulto, 4epmt migranti5 euro per i minorenni.Questi soldi vengono dati, non direttamente ai migranti  ma agli enti gestori dei centri e servono a coprire le spese di gestione e a pagare lo stipendio degli operatori. che vi collaborano. Del totale a pro capite solo 2,5 euro, (pocket money), vengono dati ai migranti. Sempre dai dati ufficiali si evince che il costo maggiore è sostenuto per le operazioni di salvataggio in mare (881 mln di euro) poi dalle spese sanitarie (250 mln) ed infine gli stipendi dei collaboratori (89 mln) e infine i contributi alla Turchia (66 mln) per la gestione dei flussi dal medio oriente. L’Italia da Paese di transito sta è divenuto un Paese di permanenza di medio o lungo periodo, una situazione insostenibile sia per le casse dello Stato che per le economia locali. Possibile che solo i politici italiani non vedano il pericolo che flussi così ingenti ed incontrollati possono rappresentare per il futuro prossimo? Eppure quasi tutti gli altri stati europei si sono opposti anche alle direttive dell’UE. L’Ungheria ha sollevato un muro per tutelarsi, l’Austria ne respinge alla frontiera, la Francia non li lascia entrare, la Svizzera (pur non essendo paese dell’UE) non accetta migranti, la Gran Bretagna ha persino deciso di uscire dall’unione per la questione migranti e ha accettato di subire perdite economiche consistenti pur di non essere invasa. Che prospettive può avere un Paese in cui buona parte dei suoi abitanti hanno problemi economici e si permette di accogliere cifre spropositate di disperati a costi incredibili !? Ci si chiede al di la delle normali ipocrisie come e di cosa queste persone possano campare? Si comprende, e se ne hanno quotidiane dimostrazioni, che si alimentano forme di schiavitù (prostituzione, lavori pesanti) e di delinquenza (spaccio droga) oltre che circolazione di denaro nero?…

Recommended For You

About the Author: Fabrizio Pace

Born in Reggio Calabria (ITA) in 1972, I was a basketball player at a competitive level for many years until, my passion for the internet and for design has led me, after studies, followed by a master for WEB DESIGNER coordinated by one of the most important industries that create software in this area. I started as a freelancer in 2000 and then became the owner of my WEB AGENCY, www.globalnetservice.eu , which is primarily concerned with the creation of websites and networks. In 2010 I created, along with some friends, the daily online www.ilmetropolitano.it , on which I write occasionally, and which are currently the founder and manager