Preferenze e manie dei viaggiatori italiani

07/12/2016 Lo studio sostenuto da Nestlé Professional svela le preferenze del rapporto tra italiani e hotel, insieme a tic e manie, di circa 2.400 turisti nazionali tra i 20 e i 55 anni. Per un italiano su 2 ad esempio (vale a dire per il 49%) l’hotel rappresenta il luogo della nuova vita di relax; ben 6 su 10 (59%) sognano di rivivere a casa le situazioni dell’hotel, dalla colazione alle attività al relax.viaggio Le strutture preferite? Lusso (47%), design d’avanguardia (29%) e palazzi storici (19%).Tra i criteri di scelta di un hotel vi sono al 1° posto la reputazione di cui gode (38%), al 2° la professionalità del personale (33%), al 3° plus e servizi offerti (22%), al 4° la posizione strategica (21%). Tra i desideri: la pulizia (43%), comfort (42%), servizi degni della reputazione della struttura (36%), ma anche letti confortevoli (34%), bagni accessoriati (27%), riservatezza (26%), un design degli interni ricercato (21%), e relax assoluto (12%). Tra i tic e le manie degli italiani in hotel vi sono: la paura di dimenticare qualcosa al momento della partenza (71%), seguita dall’ ispezione della stanza: il 33% prima ancora di togliere il cappotto o appoggiare la borsa verifica la grandezza della room, vista, arredo, accessori. Il 13% invece preferisce disfare le valigie e sistemare tutto nell’immediato. I controlli  evidenziano e chiariscono una serie di “mancanze” che fanno aumentare la nostalgia di casa: dalle pantofole (29%) all’ accappatoio (28%) allo spazzolino con relativo dentifricio (24%), arachidi e patatine (23%). Il 36% poi ha sempre il timore di trovarsi “vicini” troppo rumorosi, o avere problemi nella prenotazione e ritrovarsi dopo senza alloggio (25%).

Recommended For You

About the Author: Giusy De Giovanni