La Corte Costituzionale boccia il referendum sull’Art. 18

Roma 11/01/2017 16:15 – La Corte Costituzionale boccia in toto il referendum abrogativo proposto dalla GGIL che voleva riportare all’Ancien Regime l’art. 18 ed il Job Act. Come ci riporta RaiNews, la Consulta ha dichiarato inammissibile il quesito sui licenziamenti illegittimi, mentre ha dato il suo via libera a quelli sui voucher e sulla responsabilità solidale negli appalti. Le motivazioni su tali decisioni verranno rese note con il deposito delle sentenze – una per ciascuno dei tre quesiti vagliati nella Camera di consiglio di oggi, durata circa due ore e mezza – che, secondo quanto prevede la legge, deve avvenire entro il 10 febbraio.   L’eventuale consultazione referendaria si terrà in una domenica tra il 15 aprile e il 15 giugno, a meno che la legislazione di cui si chiede l’abrogazione non subisca modifiche. In caso di elezioni anticipate, il voto slitterebbe di un anno alla primavera 2018.

Recommended For You

About the Author: Carlo Viscardi