Città metropolitana: Investire nella scuola per investire nel merito

E’ stato presentato oggi a palazzo Corrado Alvaro il primo stralcio del programma degli interventi di edilizia scolastica che interesseranno tutto il territorio metropolitano.Saranno cinque le scuole di nuova costruzione, altre otto saranno interessate da interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza sismica, per un investimento totale pari a 27 milioni di euro grazie al progetto “ScuoleBelle”voluto dal Governo, al Piano per il Mezzogiorno approvato con Delibera Cipe 26/2016, e alla compartecipazione di Città Metropolitana e Regione Calabria. Tutti i cantieri saranno avviati nel 2017. “Siamo convinti che il futuro di questo territorio si fondi sull’istruzione, sulla conoscenza e sulla cultura – ha esordito il sindaco Giuseppe Falcomatà intervenendo alla presentazione degli interventi. “Questo può avvenire – ha poi aggiunto – se esistono degli spazi fisici moderni, sicuri ed efficienti che possano essere al servizio di un obiettivo può grande che è quello di formare una futura classe dirigente, consapevole che l’unica strada percorribile è quella della cultura, dell’istruzione e della conoscenza”. “Se la politica investe nella scuola – ha quindi detto il sindaco – significa che investe nel merito. Lanciamo un messaggio chiaro, che non è uno slogan ma si costruisce attraverso le politiche che stiamo portando avanti, e cioè che in questo paese, specialmente nella Città metropolitana di Reggio Calabria, si possono raggiungere importanti risultati perché si conosce qualcosa e non perché si conosce qualcuno”.“Gli interventi – ha poi evidenziato Falcomatà – ci consentono di costruire una rete scolastica moderna ed efficiente, interessando tutto il territorio metropolitano”.Una Città Metropolitana  degna di questo nome deve essere comunità, e può essere comunità se tutti, da Monasterace a Rosarno, ci sentiamo parte di un’unica famiglia, ci riconosciamo come parte di qualcosa di più grande. Tuttavia, non ci sarà mai un comune sentire se nei vari settori di competenza della Città non si farà una programmazione seria e integrata che riguardi tutto il territorio”.“Per questo motivo – ha concluso il sindaco – non ragioniamo più a compartimenti stagni, ma programmiamo, tenendo conto delle priorità”. Alla presentazione del Piano degli interventi hanno partecipato anche il consigliere metropolitano delegato all’Edilizia Scolastica, Demetrio Marino, convinto che l’ascolto delle esigenze del territorio e il confronto con chi nella scuola opera possano portare a soluzione concrete e opportunità di sviluppo, i dirigenti dell’Ente Giuseppina Attanasio e Giuseppe Mezzatesta, i dirigenti scolastici delle suole interessate e una rappresentanza degli studenti.Le nuove scuole costruite saranno il Liceo Musicale di Cinquefrondi, il Liceo Scientifico di Bagnara Calabra, l’Alberghiero e il Professionale di Locri, e il Liceo Scientifico di Oppido Mamertina.Oltre ai lavori già eseguiti nelle scuole che hanno accolto gli studenti degli istituti sequestrati a Locri, interessati da interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza saranno l’Istituto “Familiari” di Melito Porto Salvo, il Liceo Classico di Cittanova, il Liceo Scientifico “Vinci”, l’Istituto “Vallauri” e l’Istituto “Frangipane” di Reggio Calabria.

pagina     di 4

 

 

Recommended For You

About the Author: Miri Pr2