Accademia delle Belle Arti: arte come “lievito” per l’economia dello Stretto

L’innovazione è il naturale sviluppo della cultura espressa da un territorio, con questa convinzione, l’Accademia di Belle arti di Reggio Calabria, ispira la propria programmazione didattica e scientifica sul principio di valorizzazione della tradizione come campo privilegiato di ricerca. La capacità di riflessione, il dialogo con l’ambiente e la connessione con il mondo giovanile, rappresentano la concreta possibilità di proporre progetti di sviluppo, crescita economica e sociale attraverso l’interpretazione delle tradizioni come motore per l’innovazione e mantenere così un ruolo attivo nella promozione della cultura d’impresa. Partendo da questi presupposti il MIUR ha approvato l’ampliamento della proposta formativa con l’introduzione dei nuovi corsi di diploma di Fumetto ed Illustrazione, Comunicazione e Didattica dell’Arte e Progettazione della Moda. Una buona opportunità per valorizzare una cultura del fare saldamente radicata nel territorio a partire dai tessuti fino ad arrivare alla confezione dei capi, un eleganza ormai famosa nel mondo grazie ad illustri reggini. Collocare la ricerca artistica in questa prospettiva significa valorizzare la cultura del territorio in un contesto internazionale formando studenti in grado di sostenere la competitività del sistema, interpretare le esigenze di mercato ed elaborare soluzioni capaci di adattarsi a panorami in continua trasformazione. Per rispondere a queste sfide occorre saper leggere positivamente la duplice natura della “metropoli”, con la sua propensione all’accoglienza delle diversità e al rispetto degli ideali europei, attraverso il programma Erasmus per la mobilità degli studenti, i tirocini formativi e curriculari e la collaborazione con gli istituti di formazione e di ricerca del Mediterraneo. La “metropoli” immaginata è animata dalla fiducia nella complessa natura dell’arte e vive nelle coscienze agitate dal mare, un mare che conosce più orizzonti.

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano