Continua il braccio di ferro fra Pyongyang ed il mondo

Pyongyang 07:20 – Il “braccio di ferro” fra il regime di Pyongyang ed il mondo non vuole cessare. La Corea del Nord ha di nuovo sfidato il ondo. Come riporta ansa.it in meno di tre settimane, due missili balistici nord-coreani hanno sorvolato l’isola giapponese di Hokkaido, la più settentrionale. Ancora una volta, questa mattina all’alba, un missile di Pyongyang ha seminato il panico nell’impero del Sol levante, irritando e preoccupando il mondo intero. Gli stessi cinesi, primi alleati di Kim Jong-un rimangono basiti difronte alla sua follia. A Seul, il presidente sud-coreano Moon Jae-in ha immediatamente convocato una riunione urgente del Consiglio di sicurezza nazionale. Il consiglio di sicurezza dell’ONU ha subito indetto una riunione d’emergenza sul lancio missilistico della Corea del Nord. Le consultazioni a porte chiuse avranno luogo oggi pomeriggio su richiesta degli Stati Uniti e del Giappone, rende noto l’Onu. Oggi il missile lanciato dai pressi della capitale Pyongyang ha volato per ben 3.700 chilometri, affondando verosimilmente nel Pacifico Nord, e ad una altezza di circa 770 chilometri. Il missile precedente, quello del 28 agosto, un Hwasong-12, aveva avuto una gittata di circa 2.700 chilometri, volando ad una altitudine di circa 550 chilometri e si era spezzato in tre parti nel mare del Giappone. E proprio in queste ore, nello stesso Mar del Giappone, sarebbero in corso manovre della marina sud coreana, secondo fonti di Seul. Manovre che potrebbero aver spinto Kim Jong-un ad anticipare il nuovo test odierno rispetto alle previsioni. Ci si domanda se la “follia” del dittatore nordcoreano sia solo un gioco di ruolo o sia vera.

Recommended For You

About the Author: Carlo Viscardi