Un emendamento alla manovra punta a salvare le piccole librerie indipendenti

Roma 18:30 – Buone notizie arrivano tramite twitter dal Ministro dei Beni culturali e del Turismo  Dario Franceschini. Come rilancia TgCom24 la commissione Bilancio del Senato ha approvato un emendamento alla manovra che introduce una tax credit per tutte le librerie. Si tratta di un’agevolazione fiscale per aiutare in particolare i piccoli rivenditori, quelli più a rischio di chiusura. Sarebbero previsti sconti fino a 20.000 euro. L’emendamento prevede per la vendita di libri al dettaglio un credito d’imposta su Imu, Tasi, Tari o sull’eventuale affitto. Lo sconto più sostanzioso, fino a 20mila euro, è previsto per le librerie indipendenti, cioè quelle che non appartengono a catene o grandi gruppi. Mentre gli altri esercenti potranno godere di una detrazione più limitata, fino a 10mila euro. Il limite di spesa è fissato a 4 milioni nel 2018 e a 5 milioni annui a decorrere dal 2019. Il credito verrà calcolato sulla base degli importi pagati per Imu, Tari e Tasi per i locali in cui si svolge la vendita oppure delle eventuali spese di locazione. Di sicuro, questo emendamento, potrà far prendere un minimo di ossigeno a quelle che oggi sono realtà in via di estinzione.

Recommended For You

About the Author: Carlo Viscardi