PIG Calabria, Santa Cristina D’Aspromonte (RC) il 14 gennaio 2018

Parlando di Nino Rossi si dice: è un chef, un grande chef. Vero ma falso. Nino Rossi è un infaticabile viandante per le vie del mondo lungo i sentieri dell’arte della cucina. Con le radici ben salde a Calabretto e lo sguardo oltre l’orizzonte. Sperimenta senza stravolgere. Riscoprendo e valorizzando le nostre tradizioni; ripresentandole ed adattandole. Non considerandole idoli intoccabili o santuari inviolabili. Senza dogmatismi ma con due pietre confinarie, ben salde e sempre presenti: qualità e bontà. Lo fa e lo può fare perché lo sa fare: essendo maestro della propria arte. Maestria ben nota e riconosciuta come attesta la sua presenza a tante iniziativa in Italia e all’estero. Il prossimo appuntamento Pig Calabria va in questa direzione. Nino Rossi riprende un antico rito (perché di questo si tratta; tra l’altro, durante i misteri eleusini erano offerti maialini a Demetra: talvolta raffigurata con un maiale in braccio) la macellazione del maiale e lo adatta ai giorni nostri. Oggi è un piacere: in passato serviva ad accantonare provviste per il lungo inverno. Nino Rossi, cazzuolando con sapiente maestria: elimina il superfluo; leviga le asperità; riempie i vuoti ed ecco a voi Pig Calabria. Dove? Villa Rossi, località Calabretto, Santa Cristina D’Aspromonte RC. Quando? 14 gennaio 2018. Tutto comincerà con le varie parti del maiale cotte nella stessa sugna del maiale (del quale non si butta niente) in un paiolo di rame: a caddara! Poi gli chef invitati seguiranno un loro percorso creativo elaborando varie combinazioni culinarie. Presenti anche griglie per la cottura delle salsicce. Una vera e propria incomunicabile apoteosi culinaria: impossibile da descrivere ma sublime da vivere.

Tonino Nocera

Recommended For You

About the Author: Redazione ilMetropolitano