Reggio Calabria, nascita di Hermes: la nota del vice sindaco con delega al personale Armando Neri - Ilmetropolitano.it

Reggio Calabria, nascita di Hermes: la nota del vice sindaco con delega al personale Armando Neri

Reggio Calabria 23 dicembre  2017 – «Con la firma dell’atto notarile si sancisce un risultato storico per l’amministrazione Falcomatà. Al momento del nostro insediamento non era immaginabile arrivare a questo punto, cioè la fusione delle due società partecipate, Reges e Recasi, che si occupavano di riscossione e informatizzazione. Ma Hermes non è l’unione di due corpi assestanti, oggi è nata una nuova società che si occuperà della riscossione e  della informatizzazione interamente partecipata dal socio pubblico, il Comune». Lo afferma il vice sindaco con delega al personale Armando Neri. «Si è chiusa definitivamente la stagione delle parti private e  dei soci privati che tanti dubbi e perplessità ha destato in città così come  numerose difficoltà di gestione » continua  Neri. «La società Hermes è interamente partecipata dal comune di Reggio Calabria che si immedesima in essa. La società offrirà servizi preziosi per l’amministrazione e i cittadini, non solo al comune di Reggio ma perché no, a tutta l’area metropolitana». Un primo bilancio per Neri. «E’ un risultato ambizioso e da assessore al personale sono molto soddisfatto, perché ricordo che al momento dell’insediamento dell’amministrazione Falcomatà  la situazione  era veramente critica tanto  da prospettarsi il  licenziamento  dei dipendenti». «Oggi invece la fusione di queste due società in una unica – spiega Neri-   ha garantito la salvaguardia di tutti i livelli occupazionali, la ridiscussione dei contratti collettivi di lavoro da parte dei dipendenti in accordo con i sindacati. Ci si proietta verso una nuova stagione sulle ali di Hermes ».

L’immediato futuro

«Già  immaginiamo Hermes nella sede  progettata per accogliere il polo tributario della città di Reggio Calabria nei locali dell’ex Girasole, secondo la pianificazione  già presentata dal sindaco Falcomatà. Un grande polo  tributario aperto a tutti i cittadini, che servirà a riqualificare tra l’altro la zona sud della città e determinerà un risparmio, atteso che non verrà più pagato il canone di locazione  esterno per la sede».

Le conclusioni

«Siamo molto ottimisti per il futuro – conclude Neri- ci aspettiamo molto da Hermes perché dovrà sostenere il comune, questo significa che si dovrà sempre di più percorrere quegli alvei che conducono a una maggiore equità fiscale e tributaria  nei confronti dei cittadini, in modo tale che tutti possano pagare e tutti possano pagare meno».

Recommended For You

About the Author: PrM 1