Siria: negli ultimi 3 mesi oltre 2000 civili sono morti nella Ghouta orientale

Siria 16:50 – Secondo quanto sta’ denunciando negli ultimi giorni Salwa Aksoy, vicepresidente della Coalizione nazionale siriana, in esilio in Turchia, sarebbero più di 2000 i civili rimasti uccisi e 5000 feriti nella Ghouta orientale, l’area a est di Damasco controllata da gruppi armati delle opposizioni e dove si trovano circa 400mila civili sotto assedio. “Quello che sta accadendo nella Ghouta è una guerra di sterminio e un crimine contro l’umanità”, ha detto. Sempre dalle stesse fonti sarebbero 32 le strutture mediche distrutte dai raid di Damasco e dei suoi alleati. La denuncia mette poi al centro dell’attenzione la Russia, affermando che in base alle regole dell’Onu, Mosca non dovrebbe poter votare la risoluzione del Consiglio di sicurezza sulla Ghouta, in discussione in queste ore a New York, perche’ coinvolta direttamente nel conflitto (TgCom24). Naturalmente sono solo dichiarazioni univoche e della stessa parte, bisognerà vedere ora come la coalizione pro-Assad risponderà a queste accuse, non dimenticando anche che la Turchia stessa stà attaccando cercando di contrastare gli effetti dei raid aerei russi e siriani.

Recommended For You

About the Author: Carlo Viscardi